Notizie Italiane

Olio Garda Dop 2017, sempre ottima la qualità

Conclusa la campagna di raccolta delle olive e della produzione olearia è il momento dei bilanci.
Un anno questo 2017, che se ha visto un calo nella produzione delle olive, è riuscito a mantenere inalterata la qualità del prodotto. È infatti del 30% in meno il calo di produzione stimato rispetto all’annata precedente.
Per tutte e tre le sottozone del Garda – Orientale, Bresciana, Trentina – è stata una stagione difficile, messa a dura prova da mesi di siccità e di temperature altissime con grandinate a fine estate. Questo calo di produzione ha però portato a rese qualitative eccellenti: le temperature molto alte, raggiunte durante il periodo di crescita e maturazione, ne hanno concentrato i succhi, portando le rese al 15%, rispetto alla media del 13% dello scorso anno. Per il calcolo della resa, si tiene essenzialmente conto del rapporto tra acqua e olio presenti nel frutto: una maggiore concentrazione di succo all’interno dell’oliva migliora in fase di molitura il rapporto tra il quantitativo di frutti raccolti e l’olio prodotto.
Le olive, seppur in leggero anticipo, sono arrivate al giusto grado di maturazione, in ottima salute, grazie anche alla cura dei produttori per la salvaguardia di frutti sani, per garantire un prodotto di ottima qualità.

“La stagione – spiega Andrea Bertazzi, Presidente del Consorzio Olio Garda DOP – è andata sicuramente meglio del previsto. Il 2017 è un anno di scarica, dopo la scorsa annata all’insegna della grande produzione, quest’anno ci aspettavamo un calo produttivo, che è stato accentuato ancor di più dalla siccità e dalle forti grandinate. L’olio a denominazione protetta sarà sicuramente meno dell’anno scorso, ma la qualità del prodotto non è messa in discussione”.
Un olio novello fruttato, con un buon equilibrio tra dolce, amaro, e piccante, come nelle migliori annate.

Sonia Biasin


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button