Info & Viaggi

Olio extravergine italiano: pregi e difetti

L'olio extravergine italiano è il migliore del mondo

L’olio extravergine italiano è il migliore del mondo, non ci sono dubbi nonostante la concorrenza sleale.

I competitori hanno preso spazio grazie a vergognose misure messe in atto dalla UE.

In Emilia Romagna la situazione è molto positiva con incrementi costanti di produzione negli ultimi anni.

Ci sono 2000 ettari di oliveti in provincia di Rimini, 1000 tra Forlì e Cesena, 450 nel territorio di Ravenna e 50 nei Colli Bolognesi.

L’italia annovera 42 DOP e 6 IGP riconosciute dalla UE: un primato assoluto.

Ma è arrivato il momento di cambiare e modernizzare i modelli di produzione e le attrezzature.

Negli ultimi anni la Xylella ha imperversato nel Sud Italia e particolarmente in Puglia. Questa regione rappresenta uno dei pilastri della produzione olivicola nazionale.

Molte aziende sono in attivo grazie agli aiuti della PAC – Politica Agricola Comunitaria che in parte restituisce i danni causati negli anni dalle assurde regole UE.

La qualità del nostro olio è nettamente superiore rispetto a quella di Spagna e Tunisia, i nostri maggiori competitori.

Gli elementi che penalizzano il nostro olio risiedono innanzitutto nella frammentazione delle aziende.

La dimensione media è di 1,8 ettari e le superfici ristrette limitano la possibilità di investire.

Le aziende agricole guidate da giovani sono più redditizie e l’età media dei titolari è elevata.

Per ogni olivicoltore che ha meno di 40 anni ce ne sono 11 che ne hanno più di 65.

La metà delle aziende è condotta da hobbisti che producono per autoconsumo o per pochi clienti.

Non sono incentivati a migliorare e spesso sono in perdita.

Ci sono troppi frantoi, in Italia 4800 mentre in Spagna sono 1700 e producono più olio anche se di qualità nettamente inferiore.

Gli impianti sono scarsamente produttivi e le attrezzature sono spesso antiquate, da museo, devono essere rinnovate.

Si deve incentivare l’irrigazione degli oliveti per stabilizzare e aumentare la produttività e puntare sul biologico che è un mercato in continua espansione usufruendo degli aiuti del PAC. E infine rimodernare le densità di impianti e rinnovarli nella continuità della tradizione.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button