Tribuna

Natale senza vino? la carenza di bottiglie ed etichette mette in difficoltà i produttori

Per gennaio si preannuncia un aumento del 40% per tutti i prodotti legati all’imbottigliamento

Natale senza vino?

La filiera dell’imbottigliamento è in crisi, messa in ginocchio dalla difficile reperibilità di tutti i materiali e i servizi che servono a portare sulla tavola dei consumatori il nettare di bacco. Per assurdo l’unico elemento certo è proprio il vino che non accusa segni di carenza produttiva, sembra un controsenso ma è così.

Le maggiori criticità si registrano a partire dalle operazioni imballaggio in cui a carta e cartone seguono legno e vetro, in pratica tutti quei materiali che concorrono a formare i “pallet” con i quali vengono movimentati i vini imbottigliati.

Le cause di questa problematica sono diverse ma la carenza di materie prime unita alla forte domanda sembra essere il motivo principale. Con la pandemia i trasporti internazionali hanno subito rallentamenti, le tempistiche non sono più fluide ed in grado di assicurare la massima puntualità come un tempo, ne consegue un accumulo di ritardo che tende ad aumentare sempre più fino a triplicare i tempi di consegna rispetto all’ordinario.

Natale senza vino?

La situazione poi non sembra dover migliorare con l’inizio del nuovo anno dove per carta e cartone si annunciano ulteriori e importanti rincari nei prezzi delle forniture, a fronte tra l’altro di dilatati tempi di consegna che costringono i produttori a peripezie organizzative per poter far fronte agli impegni.

Anche per il vetro ci sono grandi problemi con i produttori di bottiglie che razionalizzano le consegne tagliando un po’ su tutti gli ordini, tendendo ad accontentare i loro clienti più grandi e abituali a scapito delle nuove o piccole cantine.

Ad aumentare il carico da soddisfare inoltre contribuisce la spumantistica italiana, che oltre ai normali incrementi di ordini dovuti alle imminenti feste natalizie sta vivendo un vero e proprio boom. Un contributo che incide notevolmente sull’aumento delle richieste oltre che per il vetro, che queste particolari bottiglie necessitano di spessore ancora più elevato, anche per i tappi.

 

Natale senza vino?

Se per l’Italia i ritardi sono ancora gestibili sono le piazze internazionali a destare forte preoccupazione nei produttori. Il mercato dei vini italiani infatti si basa fortemente sulla risposta dei mercati esteri e su questi al momento i ritardi arrivano anche alle quattro settimane, costringendo le aziende a “tamponare” le richieste con la produzione pronta per poi evadere gli ordini per intero appena è possibile reperire i materiali necessari per il confezionamento e la spedizione delle bottiglie.

Ma le disgrazie non vengono mai da sole infatti alla crisi distributiva del vino italiano concorre anche il fattore dei trasporti, anche questi resi più complicati dagli stravolgimenti generali di questi ultimi due anni. Sembra che a soffrire di più della crisi di reperibilità dei container siano Asia e Nord America, notizia aggravata dal fatto che quest’ultima è per molti produttori la piazza di riferimento per l’export dei propri vini. Per le Aziende questo si tradurrà irrimediabilmente in un aumento dei costi e purtroppo come sempre, c’è il rischio che ad assorbirlo in gran parte saranno quasi certamente i consumatori.

Bruno Fulco

 

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button