Megaron

Megaron

Print Friendly, PDF & Email

L’aria pungente autunnale inizia a farsi sentire, porta con se i profumi dei boschi vicini; gli abiti che ho indossato sono troppo leggeri, proprio stamane che a Paternopoli il sole fa capolino dietro le nuvole.

Cullato tra le colline irpine, si erge il piccolo centro storico, le strade sterrate tra vigne e oliveti conducono per il suggestivo paesaggio. Il ristorante “Megaron” nasce proprio qui a Paternopoli dall’idea di Valentina Martone e del marito Giovanni, su questo territorio vocato alla produzione agricola e in particolar modo consacrato alla coltura delle viti d’Aglianico.

Già dall’ingresso si nota la cura per l’arredo e i suppellettili ricercati, poi si apre alla vista il grande “megaron” sala accogliente con la sobrietà dei tavoli apparecchiati ed i colori caldi, un’altra saletta attigua è da meditazione dove si custodiscono le migliori etichette di vini, con un occhio di riguardo a quelli prodotti a Paternopoli, unitamente alla selezione di liquori e grappe, da degustare comodamente in poltrona magari leggendo uno dei libri a disposizione dei clienti.

Valentina, tiene all’eleganza del locale, come a quella dei piatti che fedelmente propongono in toto il territorio, chi siede alla tavola del Megaron gusta pietanze realizzate con i prodotti del posto, verdure degli orti vicini, formaggi di piccoli produttori locali, pasta fatta a mano, carni di fidati allevatori, pane ai vari gusti rigorosamente impastato da Valentina come i dolci ed i dessert.

Si ispessisce il filo conduttore del territorio con l’attenzione rivolta alla stagionalità degli ingredienti, quindi i menù seguono la razionalità e l’espressione di ciò che dona la terra di Paternopoli.

Il piacere e la convivialità della tavola si realizza sicuramente davanti a piatti genuini che si lasciano gustare alla vista e al palato, da vini che li accompagnano nell’effusione armonica di sapori e profumi, nel condividere questa esperienza sensoriale con persone stimolanti intellettualmente e al tempo stesso di gradevole compagnia, ed oggi alla tavola del Megaron si è appunto realizzata questa intrigante combinazione.

Angela Merolla

www.ilmegaon.it

About The Author

Related posts