Vini e Ristorazione

Ma è vino questo?

L' ultimo sgambetto della UE nei confronti dell'Italia e dei nostri vini sta prendendo forma.

L’ ultimo sgambetto della UE nei confronti dell’Italia e dei nostri vini sta prendendo forma.

Uno spettro si aggira per l’Europa: il vino annacquato. La trovata dei tristi pensatori di Bruxelles consiste nella autorizzazione alla produzione di vini dealcolizzati.

Tutto ciò all’interno dei disciplinari delle Denominazioni di Origine Protetta- DOP e Indicazioni Geografiche Protette – IGP. 

Diminuire fortemente la percentuale di alcol e aggiungere acqua è l’ultima trovata di questi squallidi individui.

Evidente sono astemi o adusi a bere birre di monasteri improbabili o sidro di scarsa qualità. Il comparto vinicolo è già sotto attacco da mesi con la proposta di introdurre etichette allarmistiche come quelle apposte sui pacchetti di sigarette.

E tutto questo nell’ambito del “Piano d’azione per migliorare la salute dei cittadini europei”. La proposta di dealcolizzazione dei vini è contenuta in un documento della presidenza del consiglio dei ministri europei.

I Soloni UE vorrebbero autorizzare i produttori a eliminare totalmente o parzialmente l’alcol nell’ambito delle pratiche enologiche.

E non è finita qui. È ammessa l’aggiunta di acqua nei vini a denominazione d’origine. Si permette di chiamare vino una bevanda che è stata privata di tutte le caratteristiche di naturalità.

L’immissione invasiva di acqua nel processo di trasformazione dell’uva in mosto e quindi in vino determina un inganno.

Un inganno che i cervelloni di Bruxelles vogliono legalizzare. I consumatori pagheranno dell’acqua in bottiglia come se fosse vino.

I vini senza alcol sono una tipologia diffusa nel mondo sopratutto in Nord America e in Nord Europa.

È un mercato in espansione e seguito attentamente dai grandi gruppi.

Ma una bevanda con una gradazione di 2 % volume non è vino.

È al massimo una bevanda che contiene una piccola percentuale di vino.

Per adesso in tutta la UE non è consentito aggiungere acqua dopo la dealcolizzazione di prodotti vinicolo.

In Italia il testo unico del vino è rigidissimo.

Non consente di detenere acqua in cantina. Nemmeno quella ottenuta dai processi di concentrazione dei mosti dei vini che viene equiparata a una sostanza idonea alla sofisticazione.

E la infelice idea della UE è una vera e propria  sofisticazione legalizzata. 

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button