Punti di Vista

L’olio che non scade più

La Camera dei Deputati ha approvato la norma Ue che fa scomparire la data di scadenza sulle confezioni di olio di oliva. Adesso l’indicazione sarà “da consumare preferibilmente entro…”. Chi tutela? Sicuramente non i consumatori.

 

Ci risiamo! Adesso l’olio dell’Ue non avrà più la data di scadenza, o meglio la data potrà essere indicata, senza alcun obbligo, da parte del produttore. Mi chiedo per quanto ancora dovremmo subire i diktat dell’Ue, in mano alle lobbies delle multinazionali?

 

Non si tratta di un problema circoscritto, ma colpisce diffusamente l’intero Made in Italy agroalimentare, con un notevole pregiudizio per le nostre tipicità. Credo che il problema non sia legato alle singole scelte fatte dall’Ue, seppur folli, ma alla mancanza oggi all’interno dell’Unione del primato della politica.

 

Nelle democrazie, la politica non può essere al servizio del capitale privato, poiché gli obiettivi da raggiungere sono diversi, probabilmente opposti. Le grandi democrazie hanno l’obbligo di occuparsi dei propri cittadini, come priorità assoluta, non certamente di soddisfare i bisogni delle lobbies private.

 

Non sono soltanto le scelte dell’Ue che vanno a colpire il nostro agroalimentare a scandalizzarmi, ma l’incapacità del governo italiano ad opporsi a queste opzioni scellerate. Da rabbrividire poi l’impreparazione dei nostri parlamentari europei, che molto spesso non si rendono conto dei danni che arrecano al nostro Paese appoggiando proposte irricevibili per l’Italia.

 

“Europa svegliati” ha urlato qualche tempo fa il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel chiedere di cambiare la politica europea nell’interesse dei cittadini.

 

Ho l’impressione che si dovrà svegliare anche il governo italiano, i parlamentari che ogni cinque anni inviamo a Bruxelles e quelli che inviamo a Roma, e perché no anche i cittadini italiani, nel recuperare la propria capacità di indignarsi nei confronti del potere pubblico, abbandonando il torpore in cui sono caduti.

 

 

 

 

 

Piero Rotolo

p.rotolo@egnews.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button