Punti di Vista

L’importanza di partecipare a un grande concorso

Il Concorso Mondiale di Bruxelles ha chiuso la 24ma edizione in Spagna, annunciando che la prossima edizione si svolgerà in Cina a Pechino.

A Valladolid si sono degustati in tre giornate oltre novemila campioni provenienti da tutte le parti del mondo, giudicate da commissioni miste, con giudici di più Paesi, solitamente composte da cinque o sei giudici. Una perfetta organizzazione che assegna medaglie e che cambia la vita in meglio di certi produttori.

La vera forza di questo concorso è la grande esperienza e professionalità degli organizzatori, con 24 edizioni alle spalle, non ci sono altri concorsi che abbiano maturato la stessa esperienza.

Ottenere una medaglia a questo concorso significa che il vino piace ed incontra il gusto internazionale, ma poi lo si deve comunicare e qui ogni produttore deve fare la sua parte per far si che il nome della sua azienda giri.

Il produttore che ha ottenuto la medaglia deve investire su di essa, partecipare a eventi, comunicare tramite i social, e magari affidarsi anche a qualche azienda di marketing e deve sicuramente aderire alle iniziative che il Concorso Mondiale di Bruxelles crea nell’arco dell’anno per far conoscere i vini premiati.

Avere una medaglia o una stella e non farla vedere è come non averla, ma non averla significa che si deve ancora lavorare sulla qualità, che è la precondizione per poter vendere il vino nel mondo.

Attualmente i concorsi sono gli unici garanti di assaggi reali, fatti da specialisti, ed è importante far conoscere al grande pubblico sia la medaglia sia il concorso che ha premiato il vino.

Il Concorso Mondiale di Bruxelles vale talmente tanto che fa gola alla Cina e non si è fatta scappare l’occasione di portarselo nella sua capitale Pechino e proprio nel cuore del distretto più tecnologico e avanzato Haidan dove ci sono tutte le università e le startup emergenti.

Partecipare nel 2018 al Concorso Mondiale di Bruxelles non sarà soltanto farsi vedere in Cina, ma significa entrare dalla porta principale nel maggior mercato del mondo, con i consumi continuamente in crescita e supportati da una reputazione e grandissima organizzazione.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button