Notizie Italiane

L’evoluzione del pianeta vino dalla preistoria ai giorni nostri

L’enologo nonché bibliofilo e accademico perugino Angelo Valentini ha tracciato un excursus storico sulla sacra bevanda cara agli dei.

Angelo Valentini

Angelo Valentini, 92 anni portati con la baldanza e l’entusiasmo di un ragazzino, grande personaggio del mondo del vino. Da più lustri mi privilegia della sua amicizia fin dai tempi in cui dirigeva la tenuta della Villa Medicea di Artimino (Firenze).  Poi ha diretto la storica tenuta del Barone Locatelli Hagenauer a Grosseto e successivamente l’azienda Lungarotti di Torgiano (Umbria). La sua residenza nel centro storico di Perugia, trasformata in museo, mi ha inviato questo enciclopedico excursus storico sull’evoluzione (dalla preistoria ai giorni nostri) del pianeta vino, sacra bevanda cara agli dei.
Per chi non conoscesse Angelo Valentini, ecco quanto riporta il suo chilometrico biglietto da visita: agronomo, enologo, erborista, oxologo (è uno dei più grandi esperti mondiali di aceto balsamico).
Pittore, poeta, giornalista, scrittore, accademico della cucina (tra l’altro è presidente emerito dell’Associazione Ristoranti Regionali Cucina Doc). Brillante conferenziere, collezionista di oggetti preziosi acquistati in tutto il mondo, esperto d’arte (possiede dipinti e sculture da far invidia alle quadrerie di molti musei statali).
Eno-bibliofilo: possiede manoscritti rarissimi tra cui il volume originale “De salubri potu dissertatio” (sul bere salutare) del medico umbro Francesco Scacchi (1577-1656).

Il ciclo degli affreschi della Torre dell’Aquila al Castello del Buonconsiglio (Trento)

Il volume, preziosissimo, parla con 50 anni di anticipo (1622) rispetto a Dom Perignon di vino frizzante eleborato con il metodo benedettino della rifermentazione in bottiglia, antesignano dei moderni spumanti.
Per la cronaca uno dei sette volumi originali, proprio su consiglio di Angelo Valentini, fu acquistato nel 1997 dalla famiglia Lunelli proprietaria della casa spumantistica trentina Ferrari ad un’asta da Sotheby’s per 14 mila sterline ed oggi è esposto nel salone d’ingresso dell’azienda a Ravina di Trento.

LE ERE DEL VINO NEL CORSO DEI SECOLI

 

ERA PREISTORICA – Ritrovamenti fossili testimoniano che la vite era presente su questa Terra cinquanta milioni di anni fa.

ERA BIBLICA – La Bibbia narra che Noè fu il primo uomo a coltivare la vigna e dal frutto ottenuto estrasse quel vino che lo inebriò, provocando la derisione del figlio Cam.

ERA SUMERICA – Questa civiltà nella zona del Caucaso e dell’ Asia Minore  coltivava la vite e produceva vino già, 5000 anni a.C.

ERA EGIZIA –  Nell’antico Egitto 3000 anni a.C. il vino era la loro bevanda nazionale.

ERAGRECA : Tra il quarto e il secondo secolo a.C. era noto il vino di Lesbo, di Chio, Thasos, Coos. Un prodotto costoso e ricercato in tutto il mediterraneo. Il nome Oinos=Vino è dovuto alla relazione che Dioniso ebbe con Altea moglie di Eno.

ERA NUOVA – Alla pigiatura dei piedi, si sostituisce il torchio in legno a leva scoperto

da Marco Procio Catone nel 50 a.C.

ERA ROMANA – Detta anche “ Enotria Tellus “, tutta la Penisola Italica viene coltivata a

vigna, originando i seguenti vini: Falerno, Marsico, Cecubo, Mamertino, Rethico,

Vino di Albano, Di Segni. I romani conoscevano anche l’arte di fare il vino mosso

che chiamavano “Titillant “. Bacco Dio del vino, che sposò Arianna a cui donò

l’immortalità.

ERA CRISTIANA – Gesù alle nozze di Cana pregato da sua madre Maria, converte l’ acqua in vino.

ERA GALLICA – Le legioni romane diffondono la vite in tutto il territorio della Gallia, e

della penisola Iberica.

ERA MEDIEVALE – Con la caduta dell’ Impero Romano, iniziano le invasioni barbariche,

soggetti al saccheggio sono le campagne prosperose, dove si produce vino

frumento, carni, causando l’inevitabile abbandono dell’ agricoltura in generale.

Resistono i monasteri dove le comunità religiose benedettine il cui motto : “ORA ET

LABORA” continua a produrre vino per necessità corporali e spirituali, bevanda

poliedrica ,considerata, Sacramento, alimento, lenimento.

Nel 1622 Francesco Scacchi nativo di Preci (Umbria) culla del Monachesimo fondato

da San Benedetto da Norcia, dà alle stampe un trattato rarissimo dal titolo: “De

Salubri Potu Dissertatio”, e la maniera di fare vini spumanti. Cinquanta anni dopo

il monaco Benedettino Dom Pèrignon cantiniere dell’Abazia di Hautviler in Francia

copia il metodo dello Scacchi.

ERA PONTIFICIA – Nella storia Papale, molti i pontefici sensibili alla coltivazione della

vite e attenti alla perfetta produzione del vino, necessario per la celebrazione

Eucaristica. Degno di attenzione Paolo III° Farnese 1536, in occasione di un viaggio

apostolico da Roma a Nizza, porta al suo seguito il Picerna Sante Lancerio incaricato

di scegliere i vini durante il viaggio di Sua Santità (sommelier ante litteram).

ERA MODERNA – Siamo nel 1709 una gelata catastrofica causa danni ingenti in tutto il territorio Europeo dove viene coltivata la vite.

ERA FILLOSSERICA –  Un insidioso parassita mina le radici dei vigneti di tutta Europa, si ricorre al porta innesto Americano resistente alla falcidia della fillossera.

ERA FASCISTA – Agli inizi il fascismo ha altri problemi urgenti da risolvere quello del pane quotidiano, la bilancia commerciale era mortificata dalla massiccia importazione di frumento, dalla Russia, dalle Americhe.

Viene indetta la battaglia del grano impiegando varietà più produttive, una concimazione razionale, si prosciugano zone paludose, raggiungendo il traguardo della autonomia.

Mussolini risolto il problema del pane, si dedica al vino, istituendo in ogni paese e città della penisola, la festa del’ uva con carri allegorici. Sorgono osterie rivendite di vino alla produzione, con la tipica insegna di una Frasca verde di quercia o di altro genere indicanti una rivendita a Km. Zero.

ERA MODERNA 1800/1900 – A produrre vino a cavallo dei due secoli era la

conduzione della terra a mezzadria, le cantine appartenevano a casati nobiliari, non curanti dell’impresa in quanto tale, e vendevano il prodotto sfuso a commercianti imbottigliatori, altri facevano a gara a chi sfoggiava in etichetta , più palle del loro stemma gentilizio!

ERA POSTBELLICA – Rimangono sul mercato nobili illuminati, imprenditori coraggiosi che investono nelle zone a vocazione vitivinicola, e tutti coloro che hanno compreso che il vino è merce preziosa da esportazione. Piccoli produttori per poter stare sul mercato si consorziano dando vita a Cantine Sociali cooperative. La storia delle Riunite di Reggio Emilia docet.

Ezio Rivella Ha fatto grande Castello Banfi di Montalcino

ERA RIVELLIANA – Ezio Rivella enologo, classe 1933, piemontese proveniente da una

famiglia di produttori vinicoli della zona tra le Langhe e il Monferrato. Nel 1957 sbarca 

a Marino, nei Castelli Romani, zona di produzione di vini bianchi

abboccati che i romani chiamavano “Cannellino”, vino piacevole e delizioso se

bevuto sul posto di produzione, e al fresco naturale delle cantine scavate nel tufo.

All’uomo venuto dal Nord viene affidata la direzione della Cantina Sociale

Cooperativa Gotto D’Oro. Un innovatore rivoluzionario di…vino, introduce

tecnologie d’avanguardia, senza stravolgere il prodotto, tanto da sdoganarlo dal

consumo locale, lo dota di “passaporto” per approdare finalmente alla

conquista dei mercati del mondo. Un successo grazie alla tecnologia di cui Rivella

era profondo conoscitore, introduce il freddo in cantina, l’impiego di macchine

imbottigliatrici isobariche. Risolve i problemi di chiarifica e di stabilizzazione. Molte

le cantine che si avvalgono di questi metodi, tanto da indurlo a costituire una

agenzia di consulenze e progettazioni denominata “Enoconsult”.

Una impresa titanica le viene affidata dai fratelli Mariani, italo-americani, un

progetto faraonico da realizzare , in una zona della Toscana ritenuta a quell’epoca

la più povera della regione. Montalcino, migliaia di ettari da dissodare, da sterpi,

pietre, rovi e sassi, trasformati dalla lungimiranza del Drake Rivella in Azienda

modello unica al mondo. Sì, da meritarsi il titolo di Cavaliere del Lavoro della

Repubblica Italiana.

ERA ENOLOGICA – Ezio Rivella Presidente dell’ Associazione Enologi Italiani dal 1975 al 1987, ha trasformato l’Associazione di amici buontemponi amanti del vino, in una organizzazione ascoltata dalle istituzioni, oltre a collocare enologi necessari nella conduzione delle cantine.

Giacomo Tachis

ERA TACHIS – Un altro enologo piemontese che ha rivoluzionato la qualità del vino, riportando in auge cloni considerati di provenienza estera o addirittura dimenticati per la loro scarsa produzione. Il Padre putativo dei grandi vini di Bolgheri fino allora noto per il rosé.

ERA VINITALY – Il successo della rassegna vinicola veronese, di tutto prestigio, si deve ad Angelo Betti direttore dell’ente Fiere di Verona, un romagnolo spiccio, pratico, presente nei padiglioni e negli stand degli espositori con la sua piccola bicicletta, pronto a risolvere qualsiasi problema eludendo le pastoie della burocrazia.

ERA DEI SOMMELIER – Anni 50/60, il vino cambia aspetto, da bevanda generica a nettare piacevole, soggetto a valutazioni di carattere edonistico e fisiologico.

Sorgono associazioni preposte ad arricchire il bagaglio culturale di tanti

appassionati della materia, partendo dalla vigna al calice. Meritevoli l’AIS e la FISAR,

che grazie ai corsi di degustazione e i relativi processi di vinificazione, hanno

contribuito alla divulgazione del vino e del buon bere , hanno sfornato un esercito di

estimatori, pochi o rari gli addetti alla ristorazione!

Giorgio Gray

ERA GIORGIO GRAY –  Enologo trentino dal palato e naso di una sensibilità unica, le sue valutazioni erano sentenze inappellabili.

Un Signore nei modi, un parlare suadente, vestiva solitamente in Principe di Galles, pilota temerario alla guida sua Gordini Sport.

Una grossa perdita, al Vinitaly un’istituzione.

Il suo laboratorio a Bolzano affollato da migliaia i di campioni di vino inviati da moltissimi produttori italiani in attesa di giudizio. Non aveva vigne, creava vini con la fantasia e l’estro che solo poeti e artisti sono dotati.

 

Riccardo Cotarella

ERA COTARELLA –  Riccardo e Renzo Cotarella due fratelli di origine Orvietana, nati con il DNA legati all’enologia.

Viticultori fin dall’ infanzia in un territorio ricco di storia legato alla residenza Papale, al miracolo di Bolsena, alla presenza degli Antinori, tutti elementi, che hanno contribuito a cambiare la fisionomia dei vini, renderli piacevoli, usando semplicemente uvaggi di condimento che ne esaltano profumi e gusto. i Renzo ha sposato gli Antinori. Riccardo è padre putativo di

almeno 300 vini Italiani che si sono distinti.

ERA DEGLI ARCHITETTI –  Il vino in questa era perde in parte il possesso del proprietario e dell’enologo, la cantina non è più di Tizio o di Caio , ma dell’architetto che la progettata.

Arnaldo Pomodoro

Arnaldo Pomodoro con il Carapace per la famiglia Lunelli a Cannara Umbria, Mario Botta con Petra a Suvereto, Renzo Piano con la cantina Rocca di Frassinello in Maremma di Paolo Panerai, Giovanni Bò, per la cantina con i residuati Dalmine a Bolgheri per Angelo Gaja, Marco Casamonti a San Casciano Val di Pesa per Piero Antinori.

I DIVINI DEL MARCIAPIEDE – Personaggi dimenticati dalla stampa del settore, ai quali ho dedicato un libro, che ricorda il loro lavoro, la loro personalità, la Famiglia e quella più allargata rappresentata dai loro clienti. Un lavoro che no ha orari, devi adeguarti ai tempi che ti concede l’Oste, l’enotecaro, l’albergatore.

Di grande soddisfazione se fatto con passione, ed è l’immagine ambulante dell’Azienda.

ERA TREMILA – Stiamo camminando verso il terzo millennio non oso immaginare quale sarà il vino del futuro, La risposta forse la può dare il Professore Attilio Scienza, che ha affermato: “La viticultura non sarà più la stessa in virtù del progetto in corso che prevede la mappatura e il sequenziamento del patrimonio genetico”. 

Prosit. (Angelo Valentini)


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button