Bologna e il resto del mondo

Le carote e i bastoni del governo Meloni

Le carote e i bastoni del governo Meloni

Le carote e i bastoni del governo Meloni

La manovra economica del nuovo esecutivo di molta destra e poco centro è decisamente insufficiente e povera di denaro e idee in merito alle reali necessità dell’Italia. 

Molte idee ma confuse, un vorrei ma non posso che non può fare altro che danneggiare la nazione.

I fratelli&sorelle d’Italia dicono di mettere al primo posto della loro filosofia (?).

 Ma hanno una filosofia per l’Italia? 

Ben 15 capitoli e 136 articoli connotano la prima misera legge di bilancio del nuovo esecutivo. 

E subito si notano incongruenze e repentini cambi di direzione rispetto ai tanti proclami sbandierati e urlati da Giorgia durante la campagna elettorale. 

Per accontentare Salvini & co rottamazione delle cartelle esattoriali non pagate con importi fino a mille euro. 

Una perdita secca per il bilancio già precario dello stato di 730 milioni di euro. 

E chi ha sempre pagato puntualmente cosa deve dire? 

Aumento del tetto al contante esteso da 1000 a 5000 euro dal primo Gennaio 2023. 

Secondo la/il presidente del consiglio ciò non favorisce l’evasione. 

Non conosco nessuno all’infuori di mariuoli e spaccia che girano con 5000 euro nella saccoccia. 

Anche questo per accontentare e tacitare Salvini & co. 

Ecco servito un bel plateau di dolci carote per gli elettori & sostenitori del governo. 

E non è finita qui. 

Esonero per gli esercenti dall’obbligo di accettare pagamenti tramite POS per acquisti inferiori a 60 euro. 

E anche per questo provvedimento il governo smentisce che agevoli l’evasione. 

Sì Pinocchio, è proprio così. 

E cosa dire della tassa piatta o flat tax così definita da molti che non sanno nemmeno parlare correttamente in italiano? 

È un privilegio fiscale per i lavoratori autonomi connotata da un meccanismo assai complicato. 

Il risultato è che si riducono le tasse a coloro che evadono circa il 70 % della imposta dovuta. 

Ecco applicato il sovranismo fiscale al popolo della vecchia piccola borghesia cantata è descritta magistralmente dal grande poeta Claudio Lolli. 

E ora siamo al bastone, parente stretto del manganello tanto amato dagli eredi quantomeno morali della tristissima era fascista.  

L’esecutivo non ha rinnovato lo sconto sulle accise e così schizzano alle stelle immediatamente i costi dei carburanti e dal primo Gennaio 2023 i prezzi dei pacchetti di sigarette.

 Saranno aumentati di 15/20 centesimi a seconda delle tipologie. 

Uno slancio all’inflazione che è già alta: 12 % attualmente. 

Anche le pietre sanno che aumentando i costi dei carburanti contestualmente si alzano i prezzi dei prodotti. 

In Italia il 90 % dei trasporti delle merci si effettua su gomma. 

Questo provvedimento è parente strettissimo di quelli adottati durante la prima repubblica dai governi monocolore democristiani e successivamente da quelli di coalizioni più o meno variegate. 

Il sunto della manovrina è desolante e deludente allo stesso tempo. 

D’altronde non mi aspettavo altro da un governo che come primi provvedimenti ha inteso colpire i rave parties e le ONG che si sostituiscono ai compiti di un misero meschino staterello allo sbando e fiero di rivendicare una sovranità senza senso che condivide con stati retrogradi quali Polonia ed Ungheria.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button