La storia del vino rosso più costoso del mondo (e qualche consiglio per le nostre tavole)

La storia del vino rosso più costoso del mondo (e qualche consiglio per le nostre tavole)

Print Friendly, PDF & Email

Una bottiglia di AurumRed Gold, prodotta nelle vigne spagnole di Las Pedroneras, di proprietà di Hilario Garcia, viene pagata dagli appassionati anche 25.000 euro. Per capire per quale ragione questo vino costi così tanto e il perché del successo del suo creatore, bisogna conoscerne la storia.

Hilario Garcia scopre l’ozonoterapia nel 2005, quando vi si sottopone per curare la sua stenosi spinale. Questo trattamento, nato per moltiplicare la presenza di ossigeno all’interno dell’organismo umano, riuscì a rimettere letteralmente in piedi Garcia, e lo stupì a tal punto da convincerlo a provare con successo l’ozono sulle cipolle. Da lì ad immaginare di usarlo per le vigne di Tempranillo, piantate dal nonno, il passo è stato sufficientemente breve. Giusto il tempo di inventare una apparecchiatura che pompasse ozono nelle vasche per l’irrigazione, per poi distribuire l’acqua (arricchita grazie a questo sistema) alle viti rendendole più resistenti. Viti che hanno permesso la realizzazione di un vino eccezionale, l’AurumRed Gold, che già nel 2012 passava dai 4.000 euro ai 17.000 grazie a dei commercianti cinesi, per arrivare ai 25.000 di oggi.

Non solo rossi costosissimi: i vini buoni ed economici

Ovviamente, però, anche ai comuni mortali è concesso di gustare del buon vino, senza arrivare a spendere cifre così esose, perché è possibile trovare vini rossi buoni ed economici anche consultando i cataloghi online. Prendiamo quindi da esempio i vini presenti sul sito di ALDI, cercando di mettere in tavola un buon vino ad un buon prezzo:

  • Bio rosso di Puglia IGT: un vino equilibrato, limpido e fruttato con un fondo di ciliegia nera su una base al gusto di prugna, che ad esempio costa solo 2,49 euro a bottiglia. I gradi sono 13, ed è da servire a temperatura ambiente.
  • Cannonau di Sardegna estremamente morbido e speziato, al gusto persistente di ribes. Un 14 gradi da servire con carni e formaggi. Lo si può trovare intorno ai 3 euro a bottiglia da 75 cl.
  • Montepulciano d’Abbruzzo DOC, che colpisce immediatamente con il suo aroma di violette e il gusto corposo. Un secco leggero da servire anche durante le grigliate all’aperto. Anche questo vino viene messo in vendita a prezzi contenuti: 2,79 euro per una bottiglia da 1,5 litri.

Ma non mancano i vini di qualità da stappare per le occasioni, sempre alla portata di tutte le tasche:

  • L’Amarone Valpolicella, ad esempio, intorno ai 14 euro a bottiglia, fa una splendida figura sulle tavolate festive senza tradire né il gusto né l’olfatto con le sue fragranze alla mora di bosco. Un secco primaverile, corposo e raffinato.
  • Il Barolo DOCG, invece, costa intorno ai 10 euro a bottiglia, ed ha un sapore misto di prugna e menta piperita. Un 14 gradi di uve del Nebbiolo, da servire con le carni rosse a temperatura ambiente, e il camino acceso.

About The Author

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Related posts