Punti di Vista

La prima fila ai commercianti abusivi

Cosa fanno le forze dell’ordine per contrastare il commercio Illegale di abbigliamento, scarpe e altri generi? Ve lo dico io. Troppo poco e, soprattutto, per cattiva organizzazione.

Veniamo al fatto: poche sere fa sono andato a cena in un ristorante sul lungomare del Lido Nazioni Fe, seduto a fianco alla vetrata che da sul viale principale del lido, guardo i turisti accaldati che passeggiano. Allo scoccare delle 21,00 la zona diventa pedonale e cosa succede?
Una schiera di commercianti abusivi dispongono la loro mercanzia su lenzuola, quasi da non far passare i turisti.
Qualche turista, per sbaglio, visto il poco spazio, calpesta la merce e il venditore  reagisce sbraitando. come se la strada fosse la loro, come se per quello spazio avessero pagato qualcosa e quindi fosse un loro diritto star lì.
Osservo meglio. Questi che a noi sembrano ” morti di fame” non sono allo sbaraglio ma hanno una gerarchia ben precisa.

Proprio davanti a me uno di questi commercianti aveva la sua mercanzia in bella mostra, ne arriva un altro e vedo che costui rivendica la posizione, (nei nostri mercati rionali o paesani i posti vengono assegnati dai vigili), si sposta e dopo pochi minuti ritorna con un’altro negro vestito con abiti tradizionali e tanto oro addosso. Capisco che  ordina al primo occupante di andare in un’altra postazione e questo, senza tirare su la testa, e raccoglie le sue cose e lascia il posto al nuovo commerciante, che in pochi secondi espone sulla pubblica via le sue mercanzie.
Ciò che voglio dire è che lì non ci sono dei morti di fame, ma c’è una organizzazione criminale che non solo danneggia i nostri marchi, ma va a danneggiare tutti quei negozi che vendono le stesse cose, ma sono in seconda fila e, cosa peggiore, pagano le tasse tutto l’anno per un lavoro stagionale, per vedere chi le tasse non le paga in prima fila.

Le forze dell’ordine, poverette, devono fare i conti con la mancanza di personale, sempre che abbiano il carburante per le auto, ed io continuo a domandarmi: ma quei cialtroni di politici dove sono in agosto? Perché girano la testa dall’altra parte davanti a queste cose?

Fanno finta di non vedere, ma i loro lauti stipendi vengono fuori dalle tasse di quei commercianti che subiscono questa concorrenza sleale. Accogliere va bene ma la criminalità che si annida nelle pecche della nostra organizzazione sociale va cacciata e le merci vanno confiscate, non ci fa paura il profugo (non tutti son profughi anzi son la parte minore), ci fanno paura i criminali che si nascondono tra i poveri del mondo.
Ft


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button