Info & Viaggi

La parola Mortadella richiama immediatamente alla mente Bologna

In questa meravigliosa città è originata e non a caso in tutto il mondo questo salume viene indicato appunto col nome di Bologna.

Già nel primo secolo dC si hanno riscontri nel territorio della antica Felsina etrusca e della Bononia dei Galli Boi che si era sviluppata in un ambiente ricco di boschi di querce .
Grazie a questa ricchezza boschiva che fornivano le ghiande necessarie per nutrire i maiali.

Se ne perdono quindi le tracce per secoli e poi questo particolare salume ricompare nel tardo Medio Evo prodotto esclusivamente a Bologna e nei dintorni.

Dal Luglio del 1998 la Denominazione Mortadella Bologna è stata riconosciuta come IGP – Indicazione Geografica Protetta dalla Comunità Europea.

Tutti i prodotti che non rientrano nelle regole del disciplinare non si possono fregiare della denominazione Mirtadella Bologna IGP.

Esistono purtroppo numerose imitazioni e produzioni fatte al di fuori della zona IGP ma sono appunto imitazioni.

E forse per questo che Fattoria Zivieri ha deciso di chiamare La Vera Bologna la Mortadella artigianale che è stata presentata all’ASCOM di Bologna in Strada Maggiore.

La genesi di questo ottimo prodotto risiede nella partnership che nel 2014 venne siglata tra la Macelleria Zivieri e lo storico Salumificio Pasquini & Brusiani con l’intento di dare seguito ad una produzione artigianale di ottimi salumi derivati dai maiali di razza Mora Romagnola allevati allo stato brado dalla Macelleria Zivieri.

Purtroppo Ennio Pasquini è venuto a mancare e gli eredi hanno deciso di chiudere la storica bottega e cessare la collaborazione.

La Famiglia Zivieri decide di proseguire nel progetto acquistando i macchinari impiegati da Pasquini & Brusiani che servivano per produrre la Mortadella e avviano il progetto Fattoria Zivieri, trasferendo i macchinari nella nuova sede di Zola Predosa dopo il trasferimento dalla storica bottega di Monzuno.

La Vera Bologna non è una copia di quella arcinota ed apprezzata dagli intenditori prodotta nella bottega di Via delle Tofane.

Sicuramente l’incontro con la Famiglia Pasquini e la successiva acquisizione dei macchinari ha originato questo salume molto profumato, di ottimo sapore e bel colore rosato.

Una Mortadella di filiera derivata da animali allevati allo stato brado e abbattuti non prima di aver compiuto venti mesi di età.
Carni provenienti dal macello di Castel di Casio e lavorate a Zola Predosa entro 96 ore dalla macellazione.

Molto bella la forma panciuta, e non a siluro come quella che siamo abituati a vedere, che ricalca le pezzature dell’Ottocento e del primo Novecento.

Ottima la qualità nutrizionale certificata da rigorosi controlli.

La produzione settimanale prevista è di 30 quintali e a Zola Predosa si stanno preparando per produrre il Salame Rosa, altra gemma della norcineria Petroniana sin dal XIV° secolo del quale Ennio Pasquini custodiva la ricetta.
Ampliare la produzione a tutti i salumi e insaccati cotti e crudi già prodotti nella storica sede di Monzuno.

Umberto Faedi


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button