Vini e Ristorazione

La parola a due ristoratrici della Valpolicella

Condivisione e unità d'intenti il loro segreto. La testimonianza di Ada Riolfi ed Elisa Ferrarini scelte dalla Cantina di Negrar per gestire l'Osteria Domìni Veneti di Cavaion sul Garda.

Condivisione e unità d’intenti il loro segreto. La testimonianza di Ada Riolfi ed Elisa Ferrarini scelte dalla Cantina di Negrar per gestire l’Osteria Domìni Veneti di Cavaion sul Garda.

Le donne si confermano protagoniste nel mondo del vino. Condivisione e unità d’intenti il loro segreto.

Lo sostiene Elisa Ferrarini, giovane ristoratrice della Valpolicella anche se, aggiunge, ancor oggi è difficile per le donne disquisire di vino in molti ambienti senza suscitare pregiudizi (le donne amano solo i vini dolci, ad esempio).

Per questo, nella sua nuova avventura enogastronomica – la gestione dell’Osteria Domìni Veneti che Cantina Valpolicella Negrar ha riaperto da pochi mesi a Cavaion Veronese, lungo la strada del Bardolino

– ha messo al centro del suo operato l’apertura di un dialogo con le donne, affinché queste si sentano accolte e libere di esprimere le loro opinioni sugli assaggi fatti o sull’abbinamento migliore con una pietanza anche con la freschezza e la leggerezza d’animo che contraddistingue l’essere femminile. 

Ad affiancarla nell’intento e nella gestione dell’osteria di campagna della cantina cooperativa negrarese c’è la madre, Ada Riolfi, figura istituzionale nel mondo del vino della Valpolicella e non solo, che 25 anni orsono, prima tra tutti, insieme al marito Roberto Ferrarini, enologo e luminare negli studi sul vino italiano, mancato nel 2014, volle fortissimamente aprire un locale che raccogliesse tutti i vini della Valpolicella.

Da qui il nome del proprio ristorante: l’Enoteca della Valpolicella a Fumane.

La parità di genere è ancora lontana anche nel settore della ristorazione, lo si vede anche da piccole cose, come il fatto che Elisa si senta più a suo agio nell’ambiente di lavoro chiamare Ada e non “mamma” sua madre, per fugare commenti di nepotismo e, nel contempo, assicurare a lei l’autorevolezza che merita.

“Oggigiorno mi sento comunque più tutelata da questo punto di vista, perché qualcosa sta cambiando nelle nuove generazioni, certe battute non sono più fatte né accettate”.

Dall’alto della sua esperienza, Ada Riolfi consiglia alle giovani donne che volessero scegliere un lavoro nella ristorazione di affidarsi al sentimento, più che seguire la tendenza del momento, per esprimere al meglio se stesse.

Le donne fanno la differenza anche per Cantina Valpolicella Negrar che ha scelto una gestione al femminile. 

Condivisione e unitarietà d’intenti nel valorizzare il territorio sono, infatti, valori praticati da entrambi i partner, insieme alla ricerca di qualità e competenza, quest’ultima sempre forgiata dalla formazione: dalla cantina attraverso il lavoro quotidiano svolto in sinergia con le 244 famiglie di soci, che coltivano oltre 700 ettari di vigneto in prevalenza nella fascia collinare della Valpolicella Classica. 

Elisa Ferrarini ha respirato fin dalla nascita l’aria della cucina e formato naso e palato con studi in enologia, portando nella gestione dell’Osteria Domìni Veneti la sua visione, attenta alla comunicazione social, pragmatica e sensibile alla cura del dettaglio.

Nelle proposte culinarie, sia Ada che Elisa nell’osteria si sentono più libere di esprimersi, grazie alla proposta vinicola della cantina allargata alle selezioni regionali veronesi.

Entrambe sono felici quando vedono che l’ospite fa proprio quel particolare accostamento vino/cibo proposto, anche non convenzionale, come certi vini rossi con il pesce, e si sente partecipe del sentimento di condivisione di una cucina “cucinata”, non semplicemente composta da elementi ma fatta con lentezza, cibi semplici, schietti e genuini, dove ad emergere è il gusto e il legame con la stagione. In alto i calici.

(GIUSEPPE CASAGRANDE)


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button