Notizie Italiane

Irvo Sicilia soffocato da politica e burocrazia

L’Istituto regionale vini e oli dell’Isola da tempo in stato di abbandono, con i 68 dipendenti lasciati senza stipendio. A rischio la certificazione di vini e oli.

 

Quella dell’Istituto regionale vini e oli di Sicilia è una storia senza fine. Da anni in gestione commissariale per volontà della “mala” politica regionale, che prima aveva pensato di sopprimerlo e adesso opera una sorta di ricatto, lasciando i 68 dipendenti senza stipendio da mesi.

 

Un disagio per i dipendenti messo in rilievo dal sindacato Ugl Sicilia, che denuncia le responsabilità politiche e della burocrazia regionale che vuole tarpare le ali ad un Istituto che da sempre è stato un fiore all’occhiello per l’Isola.

 

Nonostante le difficoltà finanziarie, l’Irvo con il suo personale tecnico, ha garantito la certificazione e il controllo dei vini siciliani a D.o., e degli Oli di Sicilia, ma, secondo l’Ugl, ormai la situazione è al limite e l’Istituto rischia la paralisi. Ciliegina sulla torta, da oltre un sessennio manca il Consiglio di Amministrazione, in grado di programmare e rilanciare, alcune delle attività istituzionali fra cui: ricerca scientifica e attività promozionali.

 

“Questa O.s. fa appello – dichiarano i rappresentanti dell’Ugl Sicilia – al presidente Musumeci, al fine di far predisporre agli uffici competenti, tutti gli adempimenti necessari, al fine di evitare il blocco dei prelievi e delle certificazioni dei vini a D.o. e degli Oli di Sicilia, dovuto alla mancanza corresponsione degli stipendi”.

 

L’Irvo è un Ente pubblico della Regione Sicilia, istituito nel 1950, al servizio della vitivinicoltura siciliana, preposto alla tutela, evoluzione e promozione della produzione vitivinicola siciliana. Con L.R. n. 2/2007 è stato riconosciuto Ente di ricerca della Regione siciliana e nel 2011 sono state attribuite competenze in materia di oli.

 

Sin dalla sua istituzione ha svolto un ruolo molto delicato assicurando al settore viti-enologico il controllo e la certificazione dei vini a Ig e a D.o., oltre alle attività di analisi dei vini, di ricerca e di sperimentazione nel settore vitivinicolo. Con la sua attività è stato propulsore del rinascimento enologico siciliano. E adesso?

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button