Curiosità

Il whisky conteso tra scozia e Canada nel territorio USA

Una nuova guerra del whisky è scoppiata recentemente.

Una nuova guerra del whisky è scoppiata recentemente. Nella storia la più famosa è la Whiskey Rebellion altrimenti nota come Whiskey Insurrection iniziata in Pennsylvania nel 1791 durante la presidenza di George Washington.

Venne scatenata dai coloni distillatori quasi sempre clandestini a causa di una accisa proposta dall’allora segretario di stato Alexander Hamilton.

La Whisky Insurrection si concluse nel 1794 con una dura repressione e l’arresto di 20 ribelli.

Un’altra guerra al whisky fu quella condotta sempre negli Usa dalle autorità federali durante il proibizionismo.

Cominciò il 15 Gennaio del 1920 con l’assalto a Chicago a un treno carico del gustoso distillato.

L’ assalto avvenne due giorni prima dell’entrata in vigore del XVIII emendamento che sanciva il proibizionismo.

Fautori del provvedimento furono gruppi religiosi, leghe anti alcoliche e associazioni di donne che non volevano che i loro mariti si sbronzassero.

Il proibizionismo terminò con il XXI emendamento nel 1933. La guerra contemporanea vede contrapposti la potente SWA – Scotch Whisky Association e la Macaloney’s Caledonian Distillery ubicata a Victoria in Canada sull’Isola di Vancouver.

L’associazione dei Distillatori Scozzesi accusa la distilleria canadese di violare la Indicazione Geografica – IG dello Scotch Whisky utilizzando termini riconducibili alla Scozia patria dello Scotch.

I termini contestati indurrebbero i consumatori a credere che i whiskies o whiskeys distillati a Victoria nella British Columbia siano di derivazione scozzese.

L’istanza presentata alla Corte Suprema di Vancouver richiede che i marchi e le etichette considerate fuorvianti per i consumatori siano eliminati.

La Distilleria Macaloney’s risponde dicendo che nel 2016 aveva contattato la SWA chiedendo di utilizzare i termini contestati senza ricevere alcuna opposizione.

La parole Caledonian è riferita alla Nuova Caledonia antico nome della British Columbia.

Macaloney è il cognome del fondatore della distilleria che è di origine scozzese.

È  ingiustificata la richiesta di eliminare  Island Whisky in quanto la ditta ha sede nell’isola di Vancouver.

Il termine Glen viene utilizzato da molti distillatori canadesi. Nel 2009 la canadese Glenora Distillery vinse una causa contro la SWA che contestava l’utilizzo della dicitura Glen Breton.

Macaloney’s afferma di non aver mai utilizzato la dicitura Scotch Whisky nelle etichette delle sue bottiglie.

Secondo la distilleria canadese quindi non ci sono i presupposti per sanzionare la ditta e far cancellare dalle bottiglie le parole contestate dalla SWA. 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button