Notizie Italiane

Il primo vino muffato prodotto dall’uomo

ll Tokaji Aszù è prodotto nella regione Tokaj-Hegyalja, a nord-est di Budapest, vicino al confine con la Slovacchia, e la sua origine è leggendaria.

ll Tokaji Aszù è prodotto nella regione Tokaj-Hegyalja, a nord-est di Budapest, vicino al confine con la Slovacchia, e la sua origine è leggendaria. La tradizione attribuisce la sua scoperta a un sacerdote di nome Máté Szepsi Laczkó. Intorno alla prima metà del XVII secolo, l’Ungheria era una terra di conflitto tra l’Impero Asburgico e l’Impero Ottomano. I contadini della regione vinicola Tokaj-Hegyalja furono chiamati alle armi per respingere un attacco dell’esercito turco. Laczkó, che si occupava delle tenute della nobile famiglia Ràkòczi, si ritrovò senza mano d’opera e rimandò il raccolto, in attesa del ritorno dei contadini dal fronte. Dopo i combattimenti, le uve sono state attaccate dalla muffa e apparentemente inutili, ma Laczkó ha deciso di provare comunque a fare il vino da queste bacche ammuffite. Il risultato è stato una sorpresa: la muffa ha reso l’uva più dolce e il vino ottimo.

PROCEDIMENTO TOKAJI UNGHERESE

A novembre viene prodotto un vino base bianco da grappoli di Furmint, Herslevelu e Muscat a Petit grains, che verranno conservati per un anno in botti da 137 litri. Questo vino di buona qualità e nulla più viene aggiunto da mosto ottenuto da uve botritizzate e sottoposto ad una presa di spuma. La quantità di questo mosto è fondamentale per il carattere finale dei Tokaji, che non a caso vengono classificati in base ai puttonyos aggiunti (generalmente da 3 a 6), cestini presi come unità di misura che corrispondono a circa 25 kg di pasta d’uva. aszu, cioè appassito e attaccato dal marciume nobile. Maggiore è la quantità di mostro botritizzato, maggiore è il contenuto zuccherino del vino e più lungo è il periodo minimo di invecchiamento.

L’Aszù 3 puttonyos deve contenere più di 60 g / l di zucchero naturale e 30 g. di estratto detratti gli zuccheri, con una maturazione di almeno 3 anni, mentre i 6 puttonyos, che contengono più di 150 g / l di zucchero e 45 g. di estratto meno gli zuccheri, si attende per più di 6 anni.

La più pregiata è l’Eszencia, ottenuta solo da uve botritizzate: 250 g / l di zucchero che la rendono molto dolce, mentre gli oltre 50 g di sostanze estrattive creano una struttura meravigliosa ed avvolgente. E il succo è così denso e concentrato che i lieviti faticano a fermentare, compito svolto solo da alcuni ceppi particolari e specifici per questa produzione.

Se siete interessati ad assaggiare ed acquistare questo prestigioso vino muffato, consigliamo di farlo presso l’enoteca online Le Cantine dei Dogi presso il loro punto vendita situato a Mirano in provincia di Venezia, o presso il sito e-commerce www.enotecalecantinedeidogi.com. L’enoteca propone un’ampia gamma di vini Aszù da 3 puttonyos fino all’Eszencia


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button