Punti di Vista

Il gusto dell’inganno

Sequestrati 600 mila etichette irregolari e 77 tonnellate di prodotti dal Nucleo anti frodi dei Carabinieri e dall’Ispettorato controllo qualità e repressione frodi. Generalmente gli abusi riguardano l’indebito uso dei marchi di qualità, con un notevole danno per i consumatori.

Ritorna il problema della sicurezza alimentare e della protezione delle eccellenze agroalimentari italiane. Non solo a livello internazionale, dove il falso made in Italy si trasforma in un danno economico che supera i 60 miliardi di euro l’anno. Ma dobbiamo stare attenti anche in casa nostra. Incredibile!

 

Dal programma di controlli straordinari avviati dal Mipaaf (ministero Politiche agricole e forestali), con azioni congiunte fra Nucleo anti frodi dei Carabinieri e Ispettorato controllo qualità e repressione frodi, sono stati sequestrati più di 77 tonnellate di prodotti e individuate oltre 600 mila etichette irregolari. Dall’inizio del 2013 sono 2 milioni le componenti di packaging ingannevoli scoperte in circolazioni.

 

“Non nascondo la grande soddisfazione che provo – ha dichiarato Nunzia De Girolamo, ministro delle Politiche agricole e forestali – nel vedere quali risultati stia dando il programma di controlli straordinari. Quella a tutela della qualità e dell’autenticità delle nostre produzioni è una battaglia sulla quale terremo sempre ben alta la guardia”.

 

Ha ragione il ministro: la tutela delle nostre eccellenze agroalimentari è una battaglia che deve essere vinta al più presto. Gli accertamenti sono stati effettuati in particolare sulla commercializzazione dei prodotti con marchi di qualità Dop, Igp, Stg, Biologico, in diversi settori merceologici tra i quali il lattiero-caseario, l’ortofrutticolo e dei prodotti gastronomici lavorati.

 

Non è più tollerabile che chi lavora nel rispetto della legge, debba subire questa sorta di concorrenza sleale da gente senza scrupoli. Altrettanto intollerabile è il danno sui consumatori che fanno affidamento sulla qualità dei prodotti. I controlli pubblici sono una priorità!

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button