EgNews

Il Greco sulla miniera

E’ stato come tuffarsi nel Greco di Tufo, restare immersi nel suo giallo intenso, inebriarsi dei sentori, godendo della meravigliosa mineralità, tutto ciò senza bere un goccio di vino, ma solo girando in lungo e in largo Tufo con Angelo Muto produttore del Greco di Cantine dell’Angelo.

Gli ho chiesto di vedere i suoi vigneti, i filari che in questo periodo sono alla massima espressione vegetale e produttiva, i grappoli quasi pronti per la vendemmia, curiosa di sentire l’odore della terra che alleva il Greco, ma non mi sarei mai aspettata un tour di Tufo.

Salgo sulla sua jeep da lavoro e si parte, il paese è molto grazioso, lontano chilometri dallo smog e dal caos cittadino, le colline tutt’intorno sono dolci e chiazzate di vigneti, sulla vetta più alta il castello, poi l’imponente palazzo della storica miniera di zolfo che ha caratterizzato per oltre cento anni l’economia tufese, arriviamo alle vigne di famiglia in zona Campanaro e al cru che nasce proprio sopra l’antica miniera di zolfo e se a Tufo si producono vini la cui peculiarità del gusto è data proprio da questo particolare minerale, da tale cru nascono vini, che per ovvi motivi, ne sono ancora più ricchi.

E’ evidente il forte legame che Angelo ha con la sua terra, orgoglioso la presenta nell’ infaticabile veste passata e in quella moderna, vecchi e nuovi orizzonti tracciati dalla natura e dall’uomo, qui è nata la sua azienda con l’intento di fare un vino dove parli unicamente il terroir.

Tornando in azienda il calice di Greco di Tufo delle Cantine dell’Angelo mi riporta ad occhi chiusi al paesaggio di colline, ai salubri vigneti, al ricco terreno dall’afflato di zolfo che abbraccia delicatamente la frutta, al sorso la scattante freschezza e l’energica mineralità mi confermano un vitigno fiero di appartenere a queste terre.

Angela Merolla

Cantine dell’Angelo
Via Santa Lucia, 13- Tufo(AV)
Tel. 0825.998073


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button