Il fascino di Cibo Nostrum conquista Catania

Il fascino di Cibo Nostrum conquista Catania

Print Friendly, PDF & Email

L’evento nazionale Fic con ospiti italiani ed esteri ha registrato 25 mila presenze, permettendo di raccogliere 60 mila euro devoluti in beneficienza. Un successo oltre ogni aspettativa.

L’ottava edizione di Cibo Nostrum, la Grande Festa della Cucina Italiana, evento nazionale della Federazione Italiana Cuochi che si è svolta alla Villa Bellini di Catania, resterà per molto tempo nel cuore e nella mente dei tantissimi partecipanti, oltre che degli organizzatori. Un successo strepitoso a cominciare dai numeri registrati nel segno della solidarietà e della beneficenza, con 25 mila presenze e 60 mila euro raccolti.

 

I soldi sono stati devoluti in beneficenza alle associazioni annunciate già nelle scorse settimane: al Dipartimento Solidarietà Emergenze FIC, che interviene nelle zone terremotate d’Italia e dove si registrano calamità naturali; alla Comunità di Sant’Egidio, che ha già preannunciato la ristrutturazione di alcuni locali destinati all’accoglienza dei più bisognosi in città; e alla Locanda del Samaritano, che realizzerà con il ricavato una biblioteca sociale e dei posti alloggio per i senza tetto.

I giardini storici di Villa Bellini sono stati presi d’assalto da migliaia di persone sin dall’apertura dove le 300 postazioni di cuochi, pasticceri, cantine e aziende agroalimentari allestite erano pronte per far degustare le loro prelibatezze, provenienti da tutta Italia e dall’estero. L’evento è stato seguito fino alla chiusura, verso la mezzanotte, da oltre 150 giornalisti nazionali e internazionali accreditati.

 

“Desidero ringraziare di vero cuore – ha detto il presidente nazionale Fic, Rocco Pozzulo – la città di Catania e i suoi abitanti per questa meravigliosa accoglienza. Siamo già abituati all’accoglienza del popolo siciliano e questo evento tutto etneo è stato l’ulteriore conferma”. La conduzione dell’evento è stata affidata ai giornalisti Alex Revelli Sorini e Susanna Cutini che hanno accolto sul palco numerosi ospiti, come il presidente mondiale dei cuochi Worldchefs, Thomas Gugler, il direttore Worldchefs del Sud Europa, Domenico Maggi, il presidente dell’Accademia Bocuse d’Or Italia, Enrico Crippa (tre Stelle Michelin ristorante “Il Duomo” di Alba, Cuneo) e il sindaco di Catania, Salvo Pogliese.

Visibilmente emozionato e al contempo orgoglioso che Cibo Nostrum si svolgesse nella sua città, il presidente Fic Promotion, Seby Sorbello. “Eravamo certi – ha detto lo chef del vulcano – che i catanesi e i tantissimi visitatori avrebbero risposto nel migliore dei modi”. Grazie alla professionalità degli chef e pasticceri della Fic, catanesi e turisti sono rimasti stregati dalle degustazioni di piatti gourmet.

La manifestazione si è animata ancora di più con i Cuochi Etnei che hanno preparato il loro omaggio alla Pasta alla Norma, con oltre seimila porzioni omaggiate a quanti avevano comunque acquistato il ticket, dimostrando così il loro sostegno all’evento.

E poi, a fine serata, la consegna sul palco degli assegni che hanno immortalato il momento culmine della beneficenza, con i rappresentanti Roberto Rosati, presidente nazionale Dse-Fic, Emiliano Abramo, presidente Sicilia per la Comunità di S. Egidio, e padre Mario Sirica, della Locanda del Samaritano, salito sul palco assieme a numerosi ragazzi che la sua associazione ha accolto.

Cibo Nostrum ancora una volta ha potuto fregiarsi del prestigioso patrocinio e sostegno del Mipaaft, ministero delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, col quale porta avanti da tempo, grazie anche alla sottoscrizione di un Protocollo d’intesa, le campagne a favore del pesce azzurro e acquacoltura del Mediterraneo. Appuntamento all’anno prossimo con la Grande Festa della Cucina Italiana!

 

 

Piero Rotolo

About The Author

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Related posts