Notizie Italiane

Idee per la ristorazione dopo Covid

Le nuove parole d’ordine per la ristorazione dopo Covid saranno competenza e professionalità, anche per chi comincia da zero. Gli esperti non hanno dubbi.

La Scuola Tessieri, di Ponsacco di Pisa, ha realizzato un’indagine su oltre 70 fra ristoratori, critici gastronomici e addetti ai lavori.

Variegate sono state le risposte, ma tutte convergenti sulla convinzione che anche nella ripresa prima di tutto continuerà ad avere successo il tipo di cucina che si fonda sul legame col territorio.

Nella classifica ideale delle competenze al primo posto viene messa la professionalità, che non è solo quella dello chef con venticinque anni di esperienza, ma include una capacità estesa, ossia si deve conoscere il prodotto, saperlo lavorare, conoscere la tecnologia e ottimizzare i costi.

L’accoglienza, intesa anche come luogo dove si viene accolti, data la voglia delle persone di riprendere la socialità, e nello stesso tempo la gestione del marketing e della comunicazione digitale sono visti come sempre più decisivi per far conoscere la propria identità e la propria offerta.

No, però, all’improvvisazione: è il cambiamento più significativo all’interno della ristorazione che auspica quasi l’80% degli intervistati.

Alcuni temono, tuttavia, un generale abbassamento della qualità.

No all’ideale della “cucina della nonna”: spesso fantomatica, stravolta dalla fantasia e dalla nostalgia alla lunga non è sostenibile.
Sì al vero ristorante artigianale (per non dire stile trattoria) di qualità che punta sul territorio e sulla freschezza delle materie prime.
Sì anche alla l’essenzialità.
No ai mille piatti in menu, meglio puntare su poche proposte, fatte bene e ben curate nella presentazione.
No a conti salatissimi e ingiustificati.
Sì ai locali che continueranno a investire nell’asporto del cibo e la consegna a domicilio.
Sì allo studio, all’applicazione e all’innovazione.

In sostanza, i responsabili della Scuola hanno fatto tesoro di ciò che è emerso dalle interviste e che dovrebbe diventare le regole per tutta la ristorazione italiana post-covid.

Le indicazioni degli intervistati sono solo alcuni dei comandamenti che costituiranno parte dell’insegnamento ai corsi di alta formazione che Scuola Tessieri farà partire a maggio 2021, della durata di 7 mesi, dedicati espressamente alla cucina e alla pasticceria del futuro prossimo venturo.

Maura Sacher

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button