Info & Viaggi

I vitigni resistenti sono il futuro

I cambiamenti climatici avanzano anche se qualche stolto ignorante si ostina a negarlo.

La viticoltura necessità di aggiornamenti ed è necessario programmare il futuro delle vigne.

In questo senso sarà necessario a breve impiantare vitigni che resistano bene al clima e agli attacchi dei parassiti.

E tutto nell’ambito di una viticoltura assolutamente sostenibile.

Nel Nord Europa da decenni si sperimenta e si coltivano varietà che sopportano il clima e le malattie da parassiti.

I vitigni più coltivati in Scandinavia sono Rondo,  Solaris e Vidal.

Recentemente lo Chardonnay ha dato ottimi risultati nella produzione di vini spumanti.

La localizzazione e la esposizione del vigneto può accentuare o ridurre i danni.

In Italia ci sono molte varietà assai sensibili al freddo e alle gelate.

Albana, Barbera, Malvasia di Candia, Merlot, Montepulciano, Sangiovese e Trebbiano Toscano sono i vitigni più suscettibili.

Caberbet Franc, Cabernet Sauvignon, Lambrusco, Pinot Bianco e Riesling Renano sono i vitigni più resistenti al freddo.

Da anni l’istituto di Rauscedo e la Fondazione Mach hanno studiato e selezionato varie tipologie.

PIWI significa Pilzwiderstandfahig ossia resistenti alle crittogame.

Le principali crittogame sono Oidio e Peronospera che purtroppo vennero introdotte in Italia nel 1800 dall’America.

Un bel regalo davvero fra i tanti. Sono necessari almeno 6 interventi chimici e fino a 16 per contenere l’infezione che se non viene contrastata può portare alla perdita totale della raccolta delle uve.

Utilizzando vitigni PIWI i viticoltori possono evitare completamente di fare trattamenti chimici che non fanno bene a nessuno.

La Germania è stata la prima nazione a selezionare vitigni PIWI fin dal 1819 e a seguire Austria e Svizzera.

In Italia Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige sono all’avanguardia nella ricerca.

In Italia sono stati iscritti dal 2013 i vitigni Bronner, Cabernet Carbob, Cabernet Cortis, Famaret, Helios, Merlot Kanthus, Merlot Khorus, Muscaris, Johanniter, Prior, Regent, Sauvignon Kretos, Sauvignon Rytos, Solaris e Soreli.

I Vivai di Rauscedo hanno perfezionato 6 vitigni PIWI e 4 la Fondazione Mach di San Michele all’Adige.

La competenza per la coltivazione di vitigni PIWI è regionale e solo alcune regioni hanno avviato la procedura.

Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Trentino Alto Adige e Veneto stanno procedendo nella valutazione e nella sperimentazione. 

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button