Bologna e il resto del mondoRubriche

I vini e le grappe italiane aumentano le vendite

Le riaperture e il desiderio di spendere, per chi ne ha la possibilità, dopo mesi di blocco sta spingendo gli acquisti di vini e grappe italiane, queste ultime soprattutto nei mercati esteri.

L’Italia è tra i primi dodici paesi esportatori nel primo semestre del 2021. I vini italiani rappresentano quasi i 3/4 del totale dell’export Made in Italy. L’incremento di questo primo semestre significa il tasso di incremento più netto degli ultimi anni. E soprattutto controbilancia il calo causato dal blocco delle vendite del 2020.

La domanda globale di vini vede l’Italia con un + 6,8 % rispetto ai cugini d’Oltralpe che marcano un + 2 %.

Il desiderio di acquistare per rifarsi delle privazioni o revenge spending interessa quasi esclusivamente i prodotti con prezzi medio alti. I nostri vini fanno registrare + 37 % in Cina, + 30 % in Russia nonostante l’assurdo blocco imposto dalla UE, + 9,5 % in Germania, + 3 % in Canada e + 1,5 % negli Usa.

Qui il mercato deve riassestarsi dopo la fine degli assurdi dazi imposti dal patetico golpista ex presidente. La UE ha finalmente formalizzato il registro ufficiale europeo delle bevande spiritose. IG ad indicazione geografica.

I due regolamenti attuativi pubblicati pochi giorni fa modificano le regole in materia di domande di registrazione per le IG. Le modifiche del disciplinare e il controllo degli stessi sarà uno strumento molto utile per la tutela e la promozione delle bevande spiritose a IG – Indicazione Geografica. Il settore rappresenta quasi il 15 % del mercato globale degli spiriti nell’Europa.

È stata riconosciuta pari dignità rispetto ai prodotti agricoli quali vini e alimenti che negli anni sono stati valorizzati e protetti con le apposite denominazioni. L’ISTAT – Istituto Centrale di Statistica attesta che nonostante la pandemia le nostre ottime grappe hanno aumentato le esportazioni del 13 %.

La Germania è il primo mercato per i nostri bravi distillatori. Moltissime distillerie italiane producono grappa IG : ben oltre l’84 % delle pregiate bottiglie. Sono stati 69.000 gli ettaedri di questo unico prodotto italiano ad uscire dalle distillerie nel 2020 e quest’anno questa cospicua cifra sarà superata.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button