Notizie Italiane

I Vignaioli Artigiani Naturali di nuovo a Roma tra realtà consolidate e nuove proposte

La tre giorni del VAN ha fornito come sempre un osservatorio sullo stato evolutivo del mondo dei vini naturali

Nella sede abituale della Città dell’Altra Economia si è svolto  il consueto evento autunnale dei Vignaioli Artigiani Naturali ormai irrinunciabile per gli amanti del genere. Certamente non è l’unica associazione in cui si riconoscono e si raggruppano i produttori della viticoltura naturale e ben lungi dal voler essere “esclusivista” nell’interpretare i contenuti di questo genere, però per la costanza con cui ripropone annualmente i suoi appuntamenti, il VAN sulla piazza romana rappresenta un valido punto di riferimento per comprendere come si evolve il mondo dei vini naturali.

Girando per i banchi d’assaggio di  anno in anno la sensazione che i vini naturali non siano “la trovata del momento” appare sempre più marcata. Tanto è vero che anche le associazioni del mondo enoico se ne stanno pian piano rendendo conto, ad esempio la sezione romana dell’Onav  che ha appena messo in calendario un corso dedicato ai vini naturali.

Ben diversa l’atmosfera da quella delle prime edizioni,  grazie anche agli atteggiamenti dei produttori non più talebani ma aperti alla discussione e al confronto in campo aperto senza darsi le arie dei detentori di verità assolute.

Insieme a loro è cresciuta anche la consapevolezza del pubblico di riferimento, ora focalizzato solamente sulla qualità dei vini e su cui le “storielle” fanno poca presa quando il vino non è buono. Questa crescita di tutte le componenti si riflette nei vini ed è quello che è emerso nella tre giorni.

Degli assaggi effettuati in sala pochissime eccezioni sono state quelle deludenti sotto il punto di vista della degustazione, proposti da parte di alcuni produttori che evidentemente preferiscono ancora dedicarsi alla ricerca dell’etichetta alternativa anziché alla pulizia dei loro vini.

Per quasi tutti equilibrio ed autenticità dei contenuti sono stati la caratteristica comune e tra questi tante conferme e alcune new entry all’altezza.  Qualche esempio non esaustivo del livello qualitativo tra i veterani della manifestazione si può individuare certamente nella Calabria di Tenuta del Conte, che tra gli assaggi proponeva “Mani Contadine” rosato da uve Gaglioppo di impatto accattivante grazie ai profumi di delicato frutto maturo ed erbe di campo, ma soprattutto al sorso di gusto estremo per intensità, ricchezza e arricchito dalla venatura sapida che lo trascina in lunghezza.

Altra presenza abituale quella di DS Bio e dei suoi apprezzatissimi vini. Un rappresentante della nuova era qualitativa dei vini del Lazio tra i quali certamente si piazza “Arcaro” delicato nei profumi di erbe aromatiche, spezie dolci e gustoso nel sorso pieno, ricco e di buona persistenza. Prodotto da uve Maturano un vitigno recuperato a dimostrazione dell’importanza della viticoltura naturale, che ricercando l’aderenza identitaria  quando possibile riporta in vita varietà altrimenti destinate all’oblio.

 

Tra le novità l’Azienda Siciliana Antonio Gherardi che nei suoi vini in assaggio rende evidente il concetto di vino del territorio grazie al filo conduttore che attraversa  la  degustazione di tutta la produzione presentata. Dall’ancestrale ai due grillo i vini sono caratterizzati dalla nota minerale (nella corretta accezione del termine) che ne rivela l’inconfondibile “fratellanza”, tra cui il macerato “Cà Scorcia” che rispetto al primo grillo cede qualcosa alla freschezza dei profumi per dedicarsi alle note di erbe essiccate ed al sorso di spessore che si allunga nel finale.

Altro grande esordio è stato quello dei vini di Azienda Agricola Claudio Plessi da Castelnuovo Rangone nel modenese, con la sua batteria di autoctoni tra Ruggine e varietà di Lambrusco al di fuori delle più note, in un notevole lavoro di recupero.

Importante soprattutto per il fatto che il valore di questa operazione non è stato fine a se stesso ma ha saputo restituire il gusto assoluto di ancestrali come  il Tarbianein, da Trebbiano di Spagna, il Lambruscaun, da uve Lambrusco del Pellegrino o di Fiorano e il Craviulèin da uve Festasio, così come anche per i fermi tipo il Tarbian, bianco da uve Trebbiano modenese e i rossi Caveriol da uve Festasio e Sgavàta da uve omonime. Ventaglio di vini che porta subito nel clima della festa e invoglia l’immediato abbinamento alla ricchezza dei cibi del territorio.

Bruno Fulco

 

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button