Tribuna

I traguardi delle donne da angelo del focolare

Può sembrare un argomento obsoleto, stante la rapida corsa del progresso e dell’evoluzione mentale della società, che sembra abbia cancellato tutto il passato più lontano di dieci centimetri dal naso degli umani.

Passare da «angelo del focolare» a ruoli di comando fuori di casa è stata una grande conquista delle donne, dopo millenni in cui erano relegate a ruoli domestici ed educativi della prole, rispettate per la loro funzione sociale di procreatrici e nel privato considerate tre pilastri della dimora.

Non solo in cucina si sono professionalizzate (da “cuciniere” a chef o sommelier), ma in vari settori imprenditoriali, specie dell’agroalimentare, senza escludere tutti gli altri campi in cui le donne hanno espresso il loro impegno ed una competenza riconosciuta a volte superiore a quella degli uomini.
Abbastanza facile per le “figlie d’arte”, ossia per le generazioni femminili di capostipiti fondatori di aziende, imparata l’arte passo dopo passo sulle orme dei loro antenati e avendone raccolta l’eredità.

Stante la gamma nelle possibilità di successi lavorativi fuori di casa, l’essere considerata anche angelo del focolare non è una “diminutio” delle qualità delle donne, e nemmeno ha a che fare con la casalinga del tradizionale immaginario collettivo, bensì, a mio parere, un riconoscimento che deve renderci orgogliose di quello che è il nostro ruolo in famiglia, quale sia la nostra collocazione nel mondo lavorativo.

Sentirsi “angelo del focolare” significa che la nostra famiglia si affida a noi, investe su di noi tutte le sicurezze di protezione. I migliori uomini ci valorizzano agli occhi dei figli e pure a quelli dei loro compari maschi, volendo vantarsi della compagna che hanno a fianco.

Questa può apparire una bestemmia secondo quel gruppetto residuo di femministe che ancora non si sono emancipate, mi spiace per loro. Non sanno quali gratificazioni si perdono a non sentirsi angeli del proprio focolare domestico.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button