Tribuna

I mercati asiatici per il vino italiano: Cina e Corea del Sud

La crisi dovuta alla pandemia ha portato a un cambiamento dei consumi e delle modalità di acquisto.

I vini italiani hanno retto abbastanza bene e sono alla ricerca di nuovi mercati e di consolidare quelli già acquisiti.

La Cina ha subito nel 2020 un notevole calo in valore di vendite ma quest’anno ritornerà ai livelli del 2019, prima della diffusione del virus.

I cinesi che consumano vino non ne bevono molto in casa.

Quindi il consumo domestico non ha compensato il calo di vendite.

Le fiere dedicate al vino sono tornate e i ristoranti sono in piena attività.

I cinesi che apprezzano i vini sono generalmente benestanti e coloro che negli ultimi anni hanno fatto fortuna.

Spendono i loro denari in patria senza andare all’estero.

Vini e marchi del lusso stanno conquistando spazi nella Repubblica Popolare Cinese. La lotta alle contraffazioni e al contrabbando ha portato ad avvicinare ulteriormente i cinesi benestanti a consumare vino nei ristoranti e durante le festività.

I ricchi millennials cinesi amano i vini italiani e vanno spesso  al ristorante durante la settimana.

Le sanzioni imposte ai vini australiani dal governo cinese favoriscono i nostri vini. Durante la pandemia le aziende hanno educato i loro clienti a bere vino in casa e a visitare le cantine.

Quando i cinesi potranno viaggiare di nuovo molti di loro si indirizzeranno a visitare le aziende.

La Corea del Sud ha un grande potenziale di consumatori grazie all’ottimo sviluppo economico e all’interesse nei riguardi della cultura del vino europea.

La bevanda alcolica nazionale è il Soju, un vino di riso che può essere ottenuto anche da patate dolci, tapioca e cereali.

Dagli anni ottanta sono cresciute sensibilmente le importazioni di bevande.

I limiti ambientali che penalizzano le produzioni hanno determinato una crescita annuale dell’11%  negli ultimi anni di vini importati.

L’italia si trova al quarto posto dietro a Francia, Cile e Usa con una quota di mercato del 16% circa.

I vini preferiti sono quelli rossi con oltre il 60% seguiti da spumanti e bianchi.

I prezzi sono alti, fino a 30 euro per una bottiglia di qualità. Grazie alle catene GDO i vini con un prezzo al dettaglio intorno o inferiore ai 10 euro stanno conquistando grandi spazi.

Grazie al EU – South Corea Trade Agreement la tassazione dei vini europei è diminuita e questo offre un grande vantaggio rispetto a Sud Africa e Nuova Zelanda.

L’Italia si conferma tra i maggiori fornitori di prodotti di grande qualità ma i produttori devono adeguare i prezzi rispetto ai concorrenti.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button