Notizie Italiane

Gualtiero Marchesi: Expo Ambassador

Gualtiero Marchesi, come tutti i grandi uomini, è molto amato o molto odiato ma è indubbio che il lavoro da lui svolto abbia molto giovato al nostro paese. Marchesì è diventato “lo chef famoso” quando ancora la  smania culinaria non aveva contagiato tutto e tutti.
Per Marchesi, solo  la conoscenza profonda della materia che si tratta, può portare alla creatività e all’innovazione.  Una convinzione che è la stessa dei grandi Maestri che hanno reso il nostro paese uno scrigno di bellezza e d’arte.
Ora , a pochi giorni dall’Expo, di cui Marchesi è Amabassador,  l’Italia ha la grande occasione per dimostrare ciò che sa ancora fare e, come scrive Marchesi,  cosa può fare : ” perché basta che questo Paese lo voglia  ed è capace di saltare qualsiasi ostacolo.Ricominciamo, oggi, a saltare gli ostacoli che abbiamo di fronte e tutti, noi per primi, ritroveremo l’Italia che si fa rispettare, forse anche temere”.
Partire dalla terra quindi, dai nostri avi che la coltivavano e ne aspettavano con trepidazione i frutti, uniti a lei in un grande abbraccio.  I frutti della terra, prima di tutto il grano e quindi il pane, alimento per eccellenza che ha  connotato lo sviluppo della civiltà.Ricorda ancora Marchesi:  “I greci usavano una bellissima metafora, chiamando gli uomini: mangiatori di pane, il contrario di bruti.
Grano  uguale farina, pane , pasta. Il simbolo principe del nostro paese. Tutti elementi di ciò che oggi viene rivalutato per la buona salute del corpo e dell’anima, elementi di quella dieta “mediterranea” , che ci appartiene da sempre.
Non possiamo che essere ancora una volta essere d’accordo con Marchesi pensando che “la pasta è un segno di civiltà. L’importante è non sciuparla, gustandola il più possibile per ciò che è, masticando e cogliendo il sapore del grano. La pasta per me rappresenta la semplicità,  una semplicità che non esclude l’eleganza, anzi la sposa come nel caso degli spaghetti caviale ed erba cipollina.

Roberta Capanni

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button