Punti di Vista

Gli ambientalisti tacciono?

L’Europa ci ha imposto la “transizione ambientale”, ecologica, la fine dell’era idrocarburi, e intanto in Italia si danno da fare per chiudere impianti e aziende ritenute non adeguate alle “fonti rinnovabili”, alla “energia green”.

Tutto bene quando l’obiettivo fosse solo di ridurre l’inquinamento dell’aria da sostanze tossiche.
Battaglia primaria degli ecologisti.

Definizione di Ecologista: «Chi si impegna in modo particolare in campagne e iniziative per salvaguardare l’ambiente naturale, sinonimo di ambientalista».

Per ora, mi faccio una domanda da semplice popolana: da dove arriverà l’energia necessaria per riscaldare le case, per cucinare, per muovere tutti i mezzi di locomozione, camion, auto, aerei?
Solo anche per avere semplicemente il cibo, fresco o lavorato, sulle tavole?

Il prezzo del petrolio è alle stelle come non mai e pure l’energia elettrica.
È appena il caso di ricordare (anche a chi non l’ha vissuto direttamente essendo troppo “piccolo”) la crisi energetica del 1973?

Leggo che una risposta sarebbe l’idrogeno. Ma  la produzione dell’idrogeno necessita di impianti giganteschi da costruire. Dove? A scapito di terreni coltivati?

Altra alternativa è il nucleare. Belle e sicure le centrali nucleari, vero? E soprattutto dove le costruiscono? In zone disabitate? Ci sono zone disabitate in Italia?

Tutto bene per gli ambientalisti tutori del paesaggio e per gli ecologisti tutori della salute dell’ambiente?

Ohibò, gli ambientalisti non protestavano perché le pale eoliche, svettanti in mezzo alle campagne e su e giù per le colline, deturpavano il paesaggio?
Sinceramente a me danno molto più fastidio i pali delle telecomunicazioni, malamente mimetizzati da tronchi con finte frasche colorate di verde sulla sommità.

In questa “transizione verde” viene auspicata la diffusione di un numero sempre più elevato di pannelli solari.
Non solo quelli da mettere sui tetti delle abitazioni, ma da produrre in siti da cui poter caricare l’energia solare, in posti facili da collegare con i sistemi di distribuzione.

Il che vuol dire, in zone pianeggianti, in siti orientati a convogliare meglio i raggi solari diurni.
Vedremo distese di pannelli fotovoltaici al posto dei prati naturali, delle aree verdeggianti di cui godono i nostri occhi quando andiamo in giro, di terreni agricoli sottratti alle produzioni alimentari?

Per ora gli ambientalisti tacciono, mentre gli ecologisti sono contenti! Boh.

Mi sa che pochi hanno capito che la conversione al “green” non vuol dire creazione di più aree da destinare al verde di boschi o parchi.

Maura Sacher

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button