Notizie Italiane

Frutta estiva, difficoltà per i produttori

A un mese e mezzo dall’avvio della campagna di commercializzazione, le quotazioni, secondo Ismea, hanno accusato in Italia e in altre piazze europee diffusi cedimenti.

A un mese e mezzo dall’avvio della campagna di commercializzazione della frutta estiva, la congiuntura sui mercati frutticoli nazionali sta evidenziando un quadro forte di difficoltà per i produttori italiani.

 

A causa di fenomeni di sovrapposizione nell’offerta, anche con merce estera (soprattutto greca e spagnola), le quotazioni alla prima fase di scambio, secondo Ismea, hanno accusato in Italia e in altre piazze europee diffusi cedimenti, rendendo particolarmente difficile il collocamento sul mercato interno. A ciò deve aggiungersi il clima fresco delle ultime settimane, che di certo non ha incoraggiato i consumi di frutta estiva, e le ripetute precipitazioni che hanno inciso sul profilo qualitativo del prodotto e sulla sua conservabilità.

 

La scorsa settimana, in base alle rilevazioni Ismea, i prezzi all’origine delle pesche si sono attestati mediamente sui 43 centesimi il chilo, perdendo oltre il 34 per cento rispetto allo stesso periodo del 2013 e più del 12 per cento sul triennio 2011/2013. Le elaborazioni indicano, in riferimento alla settimana dal 7 al 13 luglio, una flessione dei prezzi delle pesche franco magazzino di confezionamento del 35 per cento su base tendenziale e del 30 per cento sui tre anni precedenti. 

 

All’ingrosso si è invece nell’ordine di un meno 20 per cento annuale nella media delle ultime otto settimane e del 15 per cento in confronto al prezzo degli ultimi tre anni, mentre al consumo i dati provenienti dalla rete di rilevazione Ismea presso la Gdo, rivelano cali di circa il 10 per cento (-4,4 per cento sulla media triennale).


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button