Agenda

La fiera del tartufo presenta le “sostenibilità incrociate”

La fiera del tartufo presenta le “sostenibilità incrociate”

La fiera del tartufo Il 29, 30 e 31 ottobre il Teatro Sociale “Busca” di Alba ospiterà il ciclo di incontri gratuiti, aperti al pubblico, in cui dialogheranno cucina d’autore, alta finanza e innovazione digitale, artigianato d’eccellenza e alta moda, arte e musica, design e cultura

 

Personaggi del mondo dello spettacolo, artisti, chef e personaggi di spicco del mondo del business si confronteranno tra loro, protagonisti di un ciclo di incontri gratuiti aperti al pubblico: è il cuore della 91ª edizione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, che venerdì 29, sabato 30 e domenica 31 ottobre promuove “Sostenibilità incrociate”, presso il Teatro Sociale “G. Busca” di Alba. Qui, mondi apparentemente distanti si incontreranno – moderati dal narratore gastronomico Paolo Vizzari – contaminandosi in un continuo rimando tra globale e locale, con il filo conduttore dei tre assi della sostenibilità, intesa nella sua accezione ambientale, ma declinata anche lungo le direttrici sociali ed economiche.

La fiera del tartufo presenta le “sostenibilità incrociate”

La visibilità mediatica internazionale raggiunta dalla Fiera, nata per valorizzare il Tartufo Bianco d’Alba, un prodotto naturale, frutto della terra, ha stimolato la progettazione di un nuovo corso della manifestazione. I tempi sono maturi per questa svolta culturale, che mira a inserire l’evento albese tra i “game changer” sui temi del cambiamento climatico e della sostenibilità.

Partendo dall’ambito della ristorazione e dai prodotti agroalimentari d’eccellenza, i più vicini alle abituali attività della Fiera, prenderà avvio il dialogo con l’alta finanza, con il mondo dell’innovazione digitale, con l’artigianato d’eccellenza e l’alta moda, l’arte e la musica, il design e la cultura: tutti settori che negli ultimi anni hanno visto insorgere una rivoluzione umanitaria e morale senza precedenti, che lascia oggi una scia positiva di intenzioni e direzioni in grado di far sperare in un futuro migliore.

La fiera del tartufo presenta le “sostenibilità incrociate”

Questo il programma dettagliato:

 

VENERDÌ 29 OTTOBRE – Teatro Sociale G. Busca, Sala “M. Torta Morolin”

Ore 17.00 – Anteprima “L’estetica sostenibile”

Samuel Romano, cantautore
Marco Rainò, architetto

 

SABATO 30 OTTOBRE – Teatro Sociale G. Busca, Sala “M. Torta Morolin”

Ore 10.00 – “La sostenibilità umana e virtuale”

Norbert Niederkofler, Chef tre stelle Michelin, una stella Michelin verde, del Ristorante St. Hubertus di San Cassiano
Luba Manolova, Director Business Group Lead – Microsoft 365/Modern Work & Security, Marketing & Operations

Ore 15.00 – “Dietro ai numeri: come la finanza cambia volto e si fa sostenibile”

Andrea Viganò, Chairman & CEO di BlackRock
Fabrizio Palenzona, dirigente d’azienda, banchiere e politico italiano

Ore 17.00 – “La sostenibilità del ricordo”

Valerio Berruti, Artista
Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Presidente Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

 

La fiera del tartufo presenta le “sostenibilità incrociate”

 

DOMENICA 31 OTTOBRE – Teatro Sociale G. Busca, Sala “M. Torta Morolin”

Ore 11.00 – “La sostenibilità allargata”

Charley Vezza, Direttore Artistico di Gufram
Fabio Novembre, Architetto, Designer
Davide Oldani, Chef due stelle Michelin, una stella Michelin verde, del Ristorante D’O di Cornaredo
Saturnino Celani, Musicista

Ore 15.00 – “La sostenibilità sociale”

Paolo Zegna, CEO Ermenegildo Zegna Group
Stefano Borromeo, CEO Galup
La Pina, conduttrice radiofonica di Radio Deejay
Aristide Artusio, Presidente Witt Italia

Ore 18.30 – “La sostenibilità delle destinazioni”

Liliana Allena, Presidente Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba
Stefano Mosca, Direttore Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba
Roberto Cerrato, Direttore del Sito Unesco dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato
Fernanda Roggero, Giornalista Sole 24 Ore

 

L’ingresso è gratuito, con prenotazione obbligatoria (www.fieradeltartufo.org/sostenibilita-incrociate/).

 

La nostra redazione pubblica le informazioni come sono arrivate, lasciando ogni responsabilità all’organizzazione pertanto non è nostro compito dare ulteriori chiarimenti.

PER INFORMAZIONI

Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

Piazza Medford, 3 – 12051, Alba Tel. +39 0173 361051 – info@fieradeltartufo.org
www.fieradeltartufo.org

Facebook @tartufobiancoalba

Instagram @tartufobiancoalba 

Twitter @AlbaTruffle
YouTube https://www.youtube.com/user/Tartufobiancodalba

L’hashtag ufficiale dell’evento è #albatruffle

Ufficio Stampa Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

Pietro Ramunno – Tel. 3395943085 – Mail: ufficiostampa@fieradeltartufo.org


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button