Rubriche

E alore, Frico!

Titolo, in perfetta lingua friulana, che tradotto significa “E allora, Frico”, dell’ultimo libro scritto dal giornalista agroalimentare Adriano De Fabro, conoscitore della realtà friulana, e presentato a Friuli DOC venerdì 13 settembre 2019, alle ore 17, nello spazio Udine Turismo, in Piazza San Giacomo a Udine.

Come è universalmente noto, il “frico” è un piatto tipico della cucina povera friulana, a base di patate e formaggio, assurto a specialità tra i prodotti agroalimentari tradizionali della regione Friuli Venezia Giulia, un piatto replicato con alcune varianti nella ricetta.

Il nuovo libro di Adriano Del Fabro intende ripercorrere la storia tradizionale del Frico, al di là di altre opere scritte sull’argomento e di tante ricostruzioni che girano sul web.

Cos’è veramente il frico, da dove deriva il suo nome, quando è stato cucinato per la prima volta, è davvero nato in Carnia, quante sono le sue varianti, sono alcune delle domande che Del Fabro si è posto.
E pure a curiosità Del Fabro ha cercato di risolvere con le sue ricerche.
È stato veramente Martino da Como, grande cuoco del patriarca di Aquileia, a inventarlo? Cosa c’entra la “benedizione” di sant’Ermacora con il frico?

E, infine, Adriano Del Fabro, di Udine, perito agrario e giornalista agricolo e agroalimentare, autore di numerosi volumi tra i quali alcuni dedicati al giardinaggio, alla frutticoltura e alla coltivazione delle piante con metodi biologici, si pone la cruciale questione: è stato fatto tutto il possibile per tutelare questa ricetta unica e invidiata da molti, patrimonio antico, storico e culturale del territorio friulano?

Non mancano in questo agile volume alcune ricette “originali” perché il frico non è solo Montasio fritto con le patate.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button