Notizie Italiane

“Ciliegie d’Italia”: tutti i vincitori dei Comuni Città delle Ciliegie

Tempo di estate, tempo di ciliegie, cerase come si dice al Sud: tempo anche di premi che le riguardano.


Ha infatti avuto luogo a Chiaiano, quartiere di Napoli, in occasione della manifestazione “Ciliegie in Festa per la Solidarietà”, il 15° Concorso Nazionale “Ciliegie d’Italia” intitolato a Claudio Locchi, ricercatore dell’Università della Tuscia (VT), appassionato ciliegicoltore prematuramente scomparso. Il concorso ha messo a confronto le migliori varietà cerasicole del Paese; per consuetudine si confrontano ormai annualmente famose cultivar della tradizione nazionale assieme alle nuove varietà di più recente sperimentazione botanica. Nella manifestazione di Napoli si sono avute delle importanti conferme qualitative così come alcune felici novità che sottolineano come territori con minore “fama cerasicola” sono invece dotati di varietà assolutamente interessanti e potenzialmente dal grande futuro agro-commerciale. La conferma viene dal territorio modenese che con la varietà Lapins dell’Azienda Agricola Nino Quartieri ha superato di gran lunga tutta la concorrenza per quanto riguarda la valutazione estetica: la più Bella Ciliegia d’Italia del 2012 viene quindi da Savignano sul Panaro (Mo). La novità è rappresentata certamente dalla “Spernocchia” di Bracigliano (Sa) prodotta dall’Azienda Agricola Coop Due G che con 85 punti e proveniente da uno dei territori più originali dal punto di vista cerasicolo (montagne e colline della Valle dell’Irno) è riuscita a strappare la vittoria per la valutazione degustativa: la Ciliegia più Buona d’Italia del 2012 viene dalla Campania. Il vincitore assoluto del 15° Concorso Nazionale è invece il campione della varietà Ferrovia, consegnato dall’Agronomo Lucia Creatura e proveniente dal Comune di Casamassima (Ba): l’impresa è riuscita con una valutazione generale di 132,33 punti, per la felicità dell’intera comunità di Casamassima. Il Premio speciale ANDMI è stato assegnato quest’anno al campione proveniente dal Comune di Maenza (Lt) dell’Azienda Agricola “Nonno Nicola” per il particolare gusto dolce-acidulo e la persistenza dei sapori che con il Durone Nero II di Vignola ha particolarmente impressionato la commissione.
Federico Ligotti
f.ligotti@egnews.it


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button