Curiosità

Cibi da non scaldare al microonde: quali sono?

Cibi da non scaldare al microonde: quali sono?

Cibi da non scaldare al microonde: quali sono?

Quali sono i cibi che non vanno mai messi nel forno a microonde? Molta gente non sa che non tutte le pietanze vengono concepite per essere cotte o riscaldate nel forno a microonde.

Spesso, infatti, si è alle prese con seri incidenti casalinghi, dovuti alla poca esperienza di alcuni membri della famiglia.

FORNO MICROONDE 23 LT TECHNO COLLECTION METAL/VETRO

Questi ultimi, senza pensarci, inseriscono un prodotto nel microonde, provocando anche delle piccole esplosioni che danneggiano l’elettrodomestico.

Allo stesso tempo, determinati alimenti potrebbero favorire la diffusione di sostanze molto pericolose per la salute di chi le assume tramite forno a microonde.

I valori nutrizionali tenderebbero così ad alterarsi nel giro di poco tempo, con una conseguente perdita del gusto originario. 


I vantaggi della cottura al microonde.

Da diversi anni, il microonde ha saputo ritagliarsi un posto di primo piano nelle cucine di moltissimi italiani, facendo cambiare idea a numerosi scettici.

VELLUTATA DI PORCINI

Una vita quotidiana sempre più frenetica ha fatto ritornare tanta gente sui loro passi, portandola ad acquistare un modello diventato di uso comune per i membri di ciascuna famiglia.

La sua diffusione si deve prettamente a due aspetti principali. Il primo riguarda il suo facile utilizzo, dato che scongela, cuoce e riscalda moltissimi primi e secondi piatti in tempi molto rapidi.

Diverse persone riscaldano anche il latte della colazione in 10 secondi, come una cucina a gas o a induzione non può fare.

L’altra prerogativa inerente alla cottura a microonde concerne la possibilità di cuocere i pasti in maniera più dietetica, dato che non necessita di grassi o condimenti aggiuntivi.



Quali pietanze non vanno scaldate al microonde?

Nonostante tutti i vantaggi menzionati, numerose pietanze non possono essere messe nel microonde. Quando si riscaldano dei cibi già cotti infatti, è essenziale saperlo fare per evitare la trasmissione di batteri alimentari molto pericolosi per la salute. 

Ecco le quattro principali tipologie di cibo ai quali va prestata un’attenzione particolare.



1. Il pollo

 

ATTENZIONE ARROSTO E PATATE

Il primo piatto da non mettere a cuocere nel microonde è il pollo. Una carne di questo genere può sviluppare nella cottura a microonde dei batteri alquanto tossici. Per esempio, nella carne di pollo cruda si può sviluppare la salmonella.
Ci vuole una cottura dalla notevole intensità per scongiurare qualsiasi rischio. Per tali ragioni, il forno a microonde non garantisce alcuna sterilizzazione, dal momento che l

e onde del microonde non riescono a penetrare nella carne di pollo in maniera omogenea, rendendo così la cottura poco efficace. In questo modo, gli agenti patogeni della carne resistono facilmente alla cottura, provocando gravi infezioni.

 

2. Il riso

RISOTTO DI FUNGHI PORCINI

Anche il riso è un alimento che non dovrebbe essere inserito nel microonde. Ciò, più che altro, perché viene conservato in un modo particolare prima dell’eventuale riscaldamento.

Tale pericolo è dovuto al fatto che nel riso sono presenti alcuni batteri patogeni, che possono provocare danni non di poco conto alla salute.

Di solito, i batteri muoiono con le alte temperature, tuttavia, in alcuni casi, se il riso non è conservato in frigo, tali sostanze producono spore che possono aprirsi. Queste ultime possono causare vomito e diarrea e infettare il riso stesso con il calore delle onde.

 

3. I funghi

tagliatelle ai funghi porcini

Infine, non bisogna lasciare in secondo piano le insidie generate dai funghi all’interno del forno a microonde. Queste pietanze comprendono al loro interno delle proteine che tendono a deteriorarsi con una certa facilità se lasciate fuori dal frigo.

Riscaldare i funghi in questo elettrodomestico può causare un forte mal di stomaco: occorre infatti metterli in frigo e consumarli in fretta.

A tal proposito, è possibile dare un’occhiata a numerose ricette con funghi porcini e trovare quella più adatta ai propri gusti personali.

 

4. Le patate

 

Anche le patate diventano pericolose se cotte nel forno al microonde. Così come il riso, anche le patate vanno conservate al meglio.

In caso contrario, rischiano di sviluppare agenti patogeni che, con le onde del microonde, possono rivelarsi dannosi. Una volta cotte e lasciate a temperatura ambiente, le patate sono in grado di diffondere un batterio denominato clostrium botulium.

Ciò succede se le patate vengono cotte e conservate male, nonché se sono avvolte nella carta stagnola e lasciate per ore fuori dal frigo. Il riscaldamento delle patate nel forno a microonde non è un’idea saggia, dato che il calore generato dal forno non è sufficientemente alto per uccidere questi batteri.

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button