Punti di Vista

Chi la fa se l’aspetti

Ieri pomeriggio dalle 17.30 e le 18, mezzo mondo si è fermato, al buio, tutti nel panico, un black out completo di tutti gli utenti di WhatsApp, Facebook e Instagram.

Paralisi totale delle comunicazioni via social, proprio nel bel mezzo degli spogli elettorali, quando tutti i giornalisti che seguivano gli esiti delle votazioni trasmettevano i dati e i politici volevano scambiarsi le loro trepidazioni.

Sembrava addirittura un attacco di qualche malizioso hacker per beffarsi della democrazia.
Roba da far tremare i polsi.

Io stavo proprio messaggiando con mia figlia, quando mi accorgo che il mio post non ha il segnale dell’invio. Beh, penso, sovraccarico di whatsapp.
Poi vado a face book e non va, sparito. O santo cielo, ho un baco che mi ha infettato il pc?
O mi hanno oscurato la pagina, ma cosa ho scritto ultimamente di tanto politicamente scorretto??

Google, però, funziona. Digito un altro profilo e appare la stessa pagina bianca con le scritte standard.
Allora comincio la ricerca e non appena scrivo “face book” una sfilza di link sul black out e tra questi già un illuminante articolo con tutte le spiegazioni.

Il blocco di Facebook, WhatsApp, Instagram e Messenger era esteso a tutta l’Italia, a quasi tutta l’Europa, in gran parte degli USA, e persino in Israele e in Turchia.

E mi sono immaginata le reazioni di sconcerto degli abitanti di questi due ultimi Paesi: il preavviso di un pericolo di attacco missilistico o un colpo di Stato in corso?

Ebbene, il blocco dei social è avvenuto proprio alla fonte, all’interno dell’impero di Zuckerberg, a casa sua, sul cervellone centrale a Menlo Park, in California.

Pare stessero operando degli aggiornamenti e si è verificato un blocco tecnico.
Quello sì che doveva essere panico vero!
Anche i pass dei dipendenti non funzionavano ed essi non potevano nemmeno accedere alle stanze.

Sette ore di duro lavoro tutto a mano … mentre il mondo aspettava impaziente.

Ai miliardi che Zuckerberg ha perso in Borsa, ad ogni ora che passava, si devono aggiungere i milioni di danni all’utenza che con i social trae guadagno. Penso anche a tutte le aziende e gli uffici che usano i servizi del web.
Paralisi totale, mondiale!

Insomma, un errore nella configurazione dei server, forse un algoritmo di nuova invenzione, uno più potente – più furbo, più spione ? – ha cancellato la rete stessa, l’ha annullata, l’ha spenta.

Proprio come migliaia di volte è stato fatto alle pagine personali degli utenti, anche personaggi celebri, controllati e censurati.

Della serie, chi la fa l’aspetti.

Maura Sacher

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

One Comment

  1. Ieri pomeriggio dalle 17.30 e le 18, mezzo mondo si è fermato, al buio, tutti nel panico, un black out completo di tutti gli utenti di WhatsApp, Facebook e Instagram.

Guarda anche
Close
Back to top button