Info & Viaggi

Castellammare del Golfo piena di ottime sorprese

Siamo arrivati a Palermo Punta Raisi prestissimo, dopo partenza antelucana da Bologna Marconi e ci dirigiamo a Castellammare del Golfo con Piero Rotolo, Direttore di EG NEWS e uno degli organizzatori di VINOLIO e del Premio Packaging Mediterraneo andiamo a far colazione e subito ci immergiamo nel milieu siculo con un ottimo cappuccino e squisiti cornetti farciti di crema, marmellata e pistacchio che se non approfitti quando sei nella Trinacria per assaporarli non vedo dove altro si possa farlo. DSCN0031

Ci spostiamo in riva al mare di Castellammare sulla terrazza del Ristorante Azotea del Marisco. Sorseggiamo uno Zibibbo Secco Biologico della Cantina Garessio mentre lo Chef Giovanni Vaccaro ci accoglie con fasolari crudi e ostriche. Ci viene servita una tartare di tonno veramente squisita assieme ad un piatto di gamberi rossi all’arancio.

Un Grillo autoctono della Cantina Di Legami profumato, fresco e con sentori di agrumi accompagna elegantemente cozze al pomodoro. Il Nero d’Avola Terre di Bruga 41 fruttato, intenso, speziato e persistente viene abbinato e precede la Busiata tipica pasta di Castellammare e gamberi crudi con scorza di limone.
Chiudiamo con pezzi di frutta fresca immersi nel ghiaccio. Alla sera andiamo in collina a Scopello in una riserva che fu dei Borboni al Ristorante Il Mulino.
Il Patron Massimiliano Ciccia ci accoglie con speck di tonno, misticanza con cipolla rossa di Tropea e pesce spada marinato come antipasto che vengono abbinati ad un Grillo Ferracane molto profumato e schietto.
Successivamente un eccezionale salmone fresco marinato con sale, zucchero e fette d’arancio assieme a deliziosi Suri pesci azzurri arrostiti sono in mariage con un Grillo Galici delle Cantine Agareno composto da Catarratto,Grillo e Inzolia.
Un immenso e quasi introvabile brodetto di scorfano si fonde esageratamente con un Rosato Aprile della Azienda Fondo Antico fruttato, vinoso e con una bellissima tonalità di rosa. DSCN0072
Le Busiate sono come i capelli delle donne dice lo chef e sono un piatto veramente autoctono di Castellammare. Nero d’Avola e Nerello Mascalese si fondono perfettamente nel vino della Cantina Micina. Squisite polpettine di sarde con finocchietto selvatico sono in tavola con polipo murato su letto di ceci e caponata di pesce spada in simbiosi con Pericone Berlinghieri. DSCN0074
Chiusura trionfale con tiramisu’ impreziosito da zucchero a velo, cioccolato fuso e caffe’ e a seguire una deliziosa crostata definita moderna con pistacchio e amarene abbinate ad un grappa trentina invecchiata. Pranziamo il sabato al Ristorante al Burgo di Castellammare.
Si parte con un Traminer Baglio del Cristo di Campobello bianco siciliano IGT Marsala Cantina Fina profumato intenso fruttato fresco molto trentinoaltoadigino servito con caponata di pesce spada marinato all’anice, involtini di spatola con zucchina e arancino di pesce capone con Busiata impreziosita da finocchietto e sarde, pinoli uva passa pomodoro e mandorle con Nero d’Avola DonnaTa’ Alessandro di Camporeale.
Chiudiamo con Melone giallo di Alcamo caramellato. Al pomeriggio andiamo a piedi lungo la passeggiate sul mare al Castello Arabo Normanno di Castellammare che si affaccia sul golfo quasi ancora a protezione del porto e della città per la consegna ai vincitori della Rassegna VINOLIO e del Premio Mediterraneo Packaging alle aziende vincitrici. DSCN0167
Un convegno organizzato dall’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Piersanti Mattarella – Danilo Dolci promotore di VINOLIO ha evidenziato quanto la Sicilia in generale e la zona di Castellammare in particolare con tutte le loro possibilità indiscusse di attrazione turistica siano penalizzate dalla brutta viabilità e dallo scarso coordinamento fra le istituzioni, gli enti preposti al turismo e le associazioni degli albergatori e dei commercianti.
La dirigente scolastica, adesso si chiama così, Loana Giacalone ha chiuso i lavori e dato il via alle premiazioni. Piero Rotolo ha illustrato brevemente il significato dell’evento e l’editore di EG NEWS Francesco Turri ha ringraziato le aziende partecipanti e ha dato il via alla consegna delle targhe.DSCN0137
Dopo la cerimonia tutti sugli spalti e le torri del Castello veramente ben conservato per godere il panorama e gustare l’aperitivo sula terrazza che domina il golfo, la spiaggia e la vecchia tonnara chiusa per merito della comunità europea che ha decretato alcuni anni fa la fine di una tradizione plurisecolare.
Grazie Europa anche questa volta! DSCN0213
In piazza Petrolo abbiamo assaggiato la granita di melograno proposte dalla azienda Miro’ di Alcamo: veramente unica come il semifreddo alla vaniglia, Pan di Spagna e melograno. In piazza erano presenti gli stand delle aziende che hanno partecipato al concorso e altre in rappresentanza delle leccornie siciliane  dai salumi, dai dolci, dal miele e quant’altro.
Domenica mattina andiamo a visitare l’ azienda Terra di Bruca e Fattorie Azzolino che hanno unito le forze mantenendo la loro autonomia. 250.000 le bottiglie prodotte nella Doc Alcamo in Contrada Azzolino a Camporeale.
Alcamo è una città fortemente connotata dal barocco e patria del grande poeta Cielo d’Alcamo. Degustiamo Diletto Nero d’Avola vinificato in bianco 13 gradi IGT Sicilia fruttato floreale sentori aromatici, Chimirici Moscato e Zibibbo 12,5 Terre di Bruca fruttato floreale.Vezzo Grillo 13,5 molto intenso e fruttato.
Pranziamo al Ristorante Mistral a Castellammare praticamente sul mare e beviamo Castello Svevo Azienda Agricola Milazzo  abbinato a Busiate con tonno e spaghetti con le vongole, polipo in insalata, involtini di spatola con verdure, involtini di zucchine con gamberi, polpettine di sarde, pesce spada al pistacchio. DSCN0097 DSCN0056
Melone giallo di Alcamo e fettine di cocomero fresco  precedono una cassata mondiale che chiude il pasto. Subito dopo pranzo ci dirigiamo a Segesta. Quello che rimane della città fondata dagli Elimi sorge Monte Barbaro e il tempio greco di Segesta e’ stato edificato in una posizione dominante e pare che una galleria parta dal tempio ed arrivi fino in città.
Tucidide narra che profughi troiani la fondarono nel nono secolo avanti Cristo chiamandola Aegesta. Virgilio ci riporta invece che venne fondata da Enea che prima di partire per il Lazio vi lasciò il vecchio padre. Da subito in guerra con Selinunte nel 415 la città chiese aiuto ad Atene che si scontrò con Siracusa venendo sconfitta e furono i Cartaginesi che nel 409 distrussero Selinunte.
Nel 276 la città si schierò con Pirro ma poi nelle guerre puniche si alleò con Roma che ne ebbe grande rispetto date le origini comuni e le fu quindi garantito lo status di città libera unica in Sicilia. Segesta fu distrutta dai Vandali, mai nome fu più appropriato, nel quinto secolo e dopo la cacciata degli Arabi i Normanni vi costruirono un castello che fu ampliato in epoca Sveva  ma del quale si sono perse le tracce alla fine del 1500.
Oggi rimane il magnifico tempio in stile dorico e l’anfiteatro scavato in parte nella roccia della montagna. Con la doverosa visita a Segesta si chiude questo tour in Sicilia che mi ha fornito validi motivi per aver voglia di ritornarci. Non voglio dimenticare la disponibilità e la gentilezza di tutti quelli coi quali siamo stati in contatto e li ringrazio sentitamente.

Umberto Faedi


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button