Vini e Vigne

Cabernet: la perla dei Colli Berici

Un evento organizzato in occasione di Vinitaly, dal Consorzio vini Colli Berici per promuovere un territorio con una grande vocazione per i vitigni a bacca rossa, ma con un potenziale vinicolo ed ampelografico ancora tutto da valorizzare. Localizzare i Colli Berici per chi non è della zona è semplice: l’unica galleria che si trova nell’autostrada A4 è quella che passa sotto a queste dolci colline. E se qui, il vitigno autoctono per eccellenza è il Tocai (si, il vitigno si può ancora chiamare così mentre il vino, a seguito delle rivendicazioni ungheresi è diventato Tai), anche gli internazionali Merlot e Cabernet hanno trovato in questi suoli un terroir perfetto per il loro sviluppo. Ma come si esprime il Cabernet in questa zone e qual è il fil rouge che li lega tra loro le varie zone d’Italia? È proprio quello che si è voluto approfondire in una speciale degustazione guidata da Nicola Frasson. È bene precisare che il Cabernet ed i bordolesi in genere sono presenti in questa zona da oltre un secolo; di antica tradizione quindi! Una lunga storia, niente di improvvisato o sperimentale, ma nonostante questo, da considerare ancora una Cenerentola, per le grandi potenzialità intrinseche, che non hanno trovato ancora la loro massima espressione.

Un confronto tra i più blasonati Cabernet d’Italia: Cor Römigberg di Alois Lageder vendemmia 2006 dell’Alto Adige, Marchese di Villamarina di Sella e Mosca vendemmia 2009 nella provincia di Alghero, passando dalla Toscana, nel cuore del Chianti con il Cabernet Sauvignon Collezione Privata 2010 di Isole e Olena. Vini forti e intensi, dalle differenti sfumature che spaziano dalla ciliegia alla più selvatica marasca, fino al virare alla prugna matura, ma con in comune le note erbacee e vegetali, con sentori terrosi del sottobosco, dei peperone e delle spezie.
Non da meno sono stati i Berici: partendo da nord-est, nella zona di Longare (Vi) il Campo Carraro 2009 di Colle di Bugano ci ha colpiti per la sua eleganza. Un Cabernet Franc in questo caso, che con i suoi 12 gradi alcool ed un colore granato dalla leggera trasparenza denota un’eleganza davvero unica per questo tipo di vitigno.
Spostandoci a sud, a Villaga (Vi) il Cabernet Vigneto Pozzare 2007 di Piovene Porti Godi, ci ha colpito per la potenza e l’alto impatto dato dalle più alte temperature del versante meridionale, con la frutta molto più matura ed intensa.
Risalendo la dorsale Berica, dalla parte ovest, verso il veronese, a Montebello Vicentino, incontriamo l’Azienda Agricola Cavazza con il Cabernet Cicogna 2007 con intensità fragranti e croccanti di ciliegia matura e ribes nero.
Un fuoriclasse il Riserva Castello Bricon 2005 dell’azienda Vini Cris di Lonigo. Con un colore brillante ed una acidità tale da far dimenticare i suoi dieci anni e con un tannino equilibrato ma ancora capace di graffiare; un vino che ha saputo interpretare con la migliore espressione, una annata pessima e piovosa.
Per ultimo il Casara Roveri 2004 di Dal Maso, azienda di Gambellara (Vi): un’annata molto più soleggiata e calda che si ripercuote nelle pienezza dei profumi, ancora complessi di mirtillo e di prugna, avvolgenti nonostante il tempo passato, ed in un corpo davvero importante e avvolgente.
Per tutti, il filo conduttore rimangono il carattere prevalentemente erbaceo e di frutti rossi del bosco, insieme a spaziature più o meno intense ma sempre viranti alla terra.
Vini intriganti questi Cabernet dei Colli Berici. In grado di stupire e di trasportare tra quelle dolci colline, ai più sconosciute, abitate sin dal paleolitico ed ora meta imperdibile per gli appassionati di cicloturismo e di passeggiate in mezzo alla natura.

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Wine Writer, Diplomata sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

One Comment

  1. Pingback: Cabernet: la perla dei Colli Berici
Guarda anche
Close
Back to top button