Buon anno che il 2020 sia il numero giusto

Buon anno che il 2020 sia il numero giusto

Print Friendly, PDF & Email

Certamente il venti venti è facile da dire, se pensiamo che proprio alle sogli di questo secolo si pensava al big ben dei computers, sono passati vent’anni e i cambiamenti sono stati immensi. Lo sviluppo smisurato di internet, i pagamenti on line e la vendita che ha cambiato tutti i parametri.

Il mondo del food ha trovato nuovi sviluppi e immense opportunità commerciali, l’arrivo dei colossi liquidi come Amazon che non produce di fatto nulla, ma commercia e smista tutto. Ora la nuova frontiere, non è il sovranismo all’italiana, ma i sistemi di protezione della qualità.

Ogni giorno la globalizzazione cerca di omologare i cittadini del mondo a vantaggio della razionalità delle multinazionali, poi ci sono i flebili lamenti di paesi come l’Italia che non riesce a imporre ai burocrati europei i dettami della dieta Mediterranea e dello stile di vita italiano.
Il punto che questi inetti studiosi, con il supporto criminogeno di qualche università sponsorizzata da qualche multinazionale, sostengono tesi assurde.
Pensate che arrivano a dire che il Parmigiano Reggiano fa male alla salute e poi promuovono prodotti schifosi figli dell’industria 4,0.

Vero che anche in Italia ormai non si segue più la dieta fatta di verdure fresche di prodotti dei nostri orti, ma seguiamo i dettami della pubblicità, ma una domanda ai nostri politici di ogni partito, vi siete mai chiesti com’è conformato il territorio italiano, vi consigliamo di cominciare a studiare e parlare come mangiate.

Vi consigliamo di studiare i vini italiani, i terreni, le tecniche, idem con i formaggi, e per la nostra produzione in mare, che non sono le piattaforme petrolifere, sono i pescatori e la ricchezza del nostro mare. Faccio un piccolo esempio. I novelli di sarda sono vietati alla pesca in Italia, perchè nessuno sa che c’è anche il rossetto ” Afia Minuta” che sembra sarda in realtà è un pesce che ha il massimo sviluppo nei mesi da gennaio a marzo e si pesca sotto costa in quasi tutt’Italia. Mentre i cugini francesi hanno contingentato la pesca del rossetto anche davanti alle coste italiane, ciò succede perchè chi deve controllare non è competente. Non ci dilunghiamo con questi auguri, ma come ben sapete cari politici italiani la vostra inettitudine sta portando il nostro paese a dimenticare origini tradizione e cultura.

About The Author

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Related posts