Notizie Italiane

“Bollicine in Villa” nella Versailles veneziana: prosit! 

"Bollicine in Villa" nella Versailles veneziana: prosit! 

“Bollicine in Villa” nella Versailles veneziana: prosit!

A Santa Maria di Sala sabato prossimo e domenica 3 aprile i wine lover potranno degustare il meglio della produzione spumantistica italiana ed europea. In passerella anche molte “maison” dello Champagne. 

“Bollicine in Villa” nella Versailles veneziana: prosit!

Conto alla rovescia per i grandi eventi di primavera che ruotano attorno al pianeta vino.

Il primo di questi appuntamenti è in calendario sabato prossimo e domenica 3 aprile a Santa Maria di Sala (Venezia) nei saloni di Villa Farsetti con “Bollicine in Villa”.

Poi a Verona, dal 10 al 13 aprile (con anteprima il 9), sarà la volta di Vinitaly edizione numero 54.

Dedicata ai “wine lover”, la kermesse veneziana organizzata dall’Enoteca “Le Cantine dei Dogi” dei fratelli Ezio & Vanni Berna, sarà un’occasione per incontrare in una location davvero suggestiva, Villa Farsetti, la Versailles veneziana, il meglio della produzione spumantistica italiana ed europea. La rassegna sarà accompagnata da una selezione di prodotti gastronomici d’eccellenza provenienti dall’entroterra veneto e dalla laguna veneziana.

Un viaggio affascinante nei “terroir” del Vecchio Continente

Sarà un viaggio affascinante alla scoperta delle maison più rappresentative del mondo spumantistico del Vecchio Continente: dall’Italia alla Spagna, dalla Francia alla Slovenia, dalla Germania all’Austria. Un mondo quello spumantistico che  esprime il “genius loci” di uno specifico territorio eternamente combattuto tra vitigni autoctoni e vitigni internazionali.

Un mondo che punta sui vini biologici, biodinamici, naturali, ma anche sui vini convenzionali, di pianura, di collina, di montagna e di mare. Un mondo fatto di viticoltori eroici, di vignaioli indipendenti, di piccole realtà emergenti, ma anche di marchi già affermati che hanno conquistato il mondo con le loro etichette e loro griffe.

Il vignaiolo Marco Tonini con il figlio Filippo (Isera, Vallagarina)

Sarà un’opportunità per conoscere, imparare e provare le differenze tra vini spumanti e frizzanti italiani (da Metodo Classico, Ancestrale o Martinotti) e i principali spumanti europei: Champagne e Crèmant francesi, Cava spagnoli, le bollicine ancestrali di Austria e Slovenia.

Trentino, Franciacorta, Oltrepo’ Pavese, Piemonte, Valdobbiadene

Sarà una “due giorni” di emozioni, di dibattiti, di scambi di opinioni e di idee, all’insegna di quanto di meglio possa offrire la produzione spumantistica europea.


Partendo dalla produzione Italiana: il Trentino, la Franciacorta, l’Oltrepò Pavese, il Piemonte, il comprensorio di Conegliano-Valdobbiadene con la realtà mondiale del Prosecco e non solo.

 

Tutte zone spumantistiche tra le più vocate e conosciute, ma si potranno scoprire alcune realtà emergenti nel campo degli spumanti: dall’Alto Adige alla Sicilia, dal Friuli Venezia Giulia alla Sardegna, dall’Emilia Romagna all’Abruzzo, dalla Toscana alle Marche.

 

Il Trentino sarà presente con i gioielli delle case spumantistiche Ferrari del Gruppo Lunelli, Cantina Francesco Moser, Abate Nero e con le novità di Marco Tonini. L’Alto Adige con il Brut metodo classico Von Braunbach (70% Chardonnay, 30% Pinot Bianco) della Cantina Enoteca di Terlano.

Dalle blasonate “maison” dello Champagne alle piccole realtà

Metodo classico dall’Austria Gangl Rosè Sekt

Inoltre i “wine lover” potranno spaziare tra le grandi e blasonate Maison dello Champagne: Dom Perignon, Louis Roederer con Cristal, Krug, Charles Heidsieck, Ruinart, Gosset, Bollinger, senza trascurare alcune piccole, ma raffinate “chicche”: Bernard Robert, Lepreux-Penet, Gaiffe Brun,  R. Gabriel Pagin Fils e Arnaud De Cheurlin con gli Champagne Premier Crù, Bourbier-Louvet con i Grand Crù. 

Quest’ultima, la Maison Barbier-Louvet, da sei generazioni vinfica lo Chardonnay, il Pinot Noir e il Meunier sulle colline di Textières-Mutry, minuscolo villaggio di 240 anime nel Dipartimento della Marna, classificato Premier Cru e situato sul versante Sud della Montagna de Reims, a metà strada fra Reims ed Epernay.

 

I sette ettari tutti di proprietà e dislocati su nove comuni, alcuni dei quali, Bouzy e Verzy, sono classificati Grand Cru, sono coltivati con il minimo impatto ambientale e tutte le fasi di produzione sono seguite personalmente dal titolare ed enologo David Barbier, tanto da meritarsi l’ambito riconoscimento di “Haute Valeur Environnementale”.

Sempre dalla Francia si potranno assaggiare i Cremànt d’Alsace del vigneron indepen ant Mauler, Chateau Grand Renard con il Crèmant De Bourgogne , Calmel & Joseph con Blanquette de Limoux Brut e Domaine des Tilleuls Fines Perles des Tilleuls. Dalla Spagna  Milltrentaset con il Cava, dall’Austria Gangl Wines con il particolarissimo Roter Sekt mèthode traditionnelle e i nuovissimi Weisser Sekt e Rosè Sekt  ottenuti con il mèthode traditionnelle, dalla Slovenia Erzetic Wines con lo spumante Sentio ottenuto con il mèthode traditionnelle da uve Rebula e Chardonnay.

Non solo bollicine, ma anche le primizie dell’entroterra lagunare

La manifestazione “Bollicine in Villa” sarà caratterizzata da un’impronta “didattica”, con gli espositori  distribuiti in base al metodo di lavorazione, per offrire un’esperienza sensoriale coinvolgente e un supporto culturale di altissimo livello. Non mancheranno le proposte gastronomiche, in particolare le primizie primaverili dell’entroterra lagunare. 

La novità di questa quinta edizione sarà il concorso in collaborazione con il giornale on line www.egnews.it e la guida sul vino on line www.ilvinopertutti.it.

Una  commissione di esperti degustatori, sommelier e giornalisti assaggerà gli spumanti e decreterà i migliori presenti alla manifestazione. Alle aziende vincitrici, nel corso della Cena di Gala che si svolgerà presso l’Osteria Antico Veturo di Trebaseleghe (Padova) saranno consegnate le “clessidre” superstar.

Durante l’evento al primo piano di Villa Farsetti, nei saloni che si affacciano sul parco e sul  giardino botanico della Versailles veneziana costruita nel Settecento da un nobile veneziano, Filippo Farsetti, si svolgeranno quattro incontri per approfondire la conoscenza di alcuni grandi vini (storia, metodo di lavorazione, terroir, filosofia del produttore, caratteristiche organolettiche) guidati da professionisti di fama internazionale, accompagnati da alcune prelibatezze gastronomiche del Veneto. In alto i calici. Prosit. (GIUSEPPE CASAGRANDE)


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button