Punti di Vista

Blogger per avere accrediti

Blogger (senza scrivere una sola riga) per avere accrediti a go go. Ormai ne parliamo da tempo e ci battiamo affinchè sia chi organizza eventi o mostre sia le aziende prendano atto di cosa sta accadendo nel mondo dell’enogastronomia.
L’aver dato credito a chiunque ha portato ad una diffusa confusione di informazioni, e ad una sempre più scarsa professionalità  circolante che non paga le aziende e non valorizza il lavoro dei giornalisti di settore.

La novità, se così si può dire, è la nascita di blog dove vengono copiate e incollate notizie prese dalla rete (senza citarne la fonte) creati solo per richiedere accrediti alle varie anteprime, eventi, degustazioni, ecc…
Quindi primo non pagano il biglietto, come invece fanno i normali visitatori, secondo si spacciano per ciò che non sono.
Ma in tutto ciò la cosa bella è che gli uffici stampa preposti… glieli danno!

Sinceramente quando a te giornalista al desk  di registrazione la signorina di turno ti guarda con aria da puzza sotto al naso perché non sei vestito all’ultima moda e pretende di vedere la tessera dell’Ordine mentre fa passare, elargendo larghi sorrisi, il fighetto bruttarello ma con tutti gli accessori giusti, comincia ad innervosirmi.
Ho sempre pensato che la gestione degli uffici stampa debba essere affidata a giornalisti che hanno alle spalle esperienze in ogni mezzo di comunicazioni (cartaceo, radio, tv e web) in grado quindi di riconoscere e saper trattare e venire incontro alle esigenze dei colleghi.

In questa grande euforia generale della corsa all’accredito dell’evento enogastronomico (qualche anno fa accadeva per la moda) le aziende si perdono e se davanti al loro banco di assaggio si presenta un vero giornalista che scriverà di loro con professionalità non sono in grado di riconoscerlo abbagliati dai follower su instagram sbandierati dal blogger/influencer di turno.

Nella sua introduzione ad uno dei corsi che i giornalisti devono fare un ottenere i crediti formativi che sono uno stimolo all’aggiornamento, il giornalista e consigliere dell’ordine di Firenze Domenico Guarino, sabato sorso, ha ribadito ancora una volta che la presenza dell’Ordine dei Giornalisti è una garanzia per tutti. Anche nel mondo dell’enogastronomia aggiungo io.
E non è vero che in altri paesi non si fa niente e non esiste un ordine professionale perché là dove non c’è,  vi è  una forte presenza sindacale che controlla e aggiorna. La differenza è che negli altri paesi ci son meno scrocconi.

Roberta Capanni


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button