Vini e Ristorazione

Arriva il tappo a vite per il Soave Docg

Approvata la chiusura che piace all’estero. A stabilirlo il decreto legge del 16 settembre 2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, relativo alle modifiche in materia di chiusura per i vini Docg.

Il tappo a vite adesso utilizzabile anche per il Soave Superiore Docg. A stabilirlo il decreto legge del 16 settembre 2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, relativo alle modifiche in materia di chiusura per i vini Docg.

 

Immediati gli apprezzamenti provenienti da oltre confine, dove questo tipo di chiusura è particolarmente diffuso e ricercato. “La chiusura a vite – ha sottolineato Rosemary George, master of wine e giornalista inglese –  era associata a vini economici, ma ora non più. I neozelandesi hanno segnato la strada per una percezione più seria dei vini con quella chiusura. E per un vino come il Soave può essere una opportunità prenderne l’immagine più moderna, anche in mercati dove è già ampiamente conosciuto”.

 

Le fa eco il mater of wine David Gleave, direttore di Liberty Wines, tra i principali importatori di vino nel Regno Unito, soddisfatto perché “il Consorzio del Soave ha riconosciuto come i consumatori dei mercati esteri stiano richiedendo chiusure alternative, per evitare il rischio di acquistare vini che presentano difetti di tappo”. Soddisfatto il Consorzio del Soave che da anni è impegnato nella battaglia per l’introduzione di questa modifica.

 

“Sui mercati del Nord Europa, ma sempre più spesso anche in Usa e Giappone – ha spiegato Aldo Lorenzoni, direttore del Consorzio del Soave – i consumatori richiedono che le bottiglie di vino siano chiuse con tappi a vite di nuova generazione oppure con capsule di vetro in ceramica. Non potevamo quindi non considerare i desiderata dei mercati esteri dove esportiamo oltre l’80 per cento della nostra produzione”.

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button