Notizie Italiane

Apre a Bologna Camilla il primo supermercato autogestito

Ha aperto le porte a Bologna in Via Casciarolo 8 in zona San Donato FieraBO Camilla il primo supermercato completamente autogestito.

Ha aperto le porte a Bologna in Via Casciarolo 8 in zona San Donato FieraBO Camilla il primo supermercato completamente autogestito.

Camilla è un emporio di comunità che promuove l’agricoltura contadina sostenibile in contrasto a quella industriale.

L’economia etica è alla base del progetto, proprio per questo i soci sono sia proprietari che clienti e i prodotti provengono da agricoltura contadina non intensiva. I

l supermercato etico cooperativo nasce dalla esperienza di Campi Aperti che è un gruppo di produttori biologici a km zero e Alchemilla nato come gruppo di acquisto solidale.

Possono fare acquisti solo i soci che adesso sono 400 e lo si diventa versando una quota di 125 euro. Il socio si impegna a dedicare tre ore del proprio tempo ogni mese per la gestione della struttura.

I soci sono contemporaneamente proprietari, commessi, cassieri e magazzinieri.

Sugli scaffali si trovano prodotti esclusi dai canali della grande distribuzione.

Le linee guida dell’emporio sono la sostenibilità ambientale, il mangiare sano, il rispetto della natura e del Lavoro e i prezzi che diventeranno sempre più bassi mano a mano che crescerà il numero dei soci.

I prezzi vengono abbassati al minimo perché devono coprire solo i costi di gestione.

Il sistema consente a tutti i partecipanti di ottenere benefici pagando adeguatamente i fornitori senza strozzarli come fa la GDO e quindi non consentendo lo sfruttamento dei lavoratori per tenere i prezzi bassi e per i soci usufruire di prodotti sani a prezzi ottimi.

Una grande iniziativa davvero, penso che al più presto mi farò socio e auspico fortemente che si aprano altri supermercati gemelli a Bologna e nelle altre città italiane. 

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button