Notizie Italiane

Amarone: atto secondo

La regione Veneto promuove un tavolo di confronto sulla vicenda delle modifiche contestate al disciplinare di produzione del Grande Rosso da parte dell’associazione Famiglie dell’Amarone.

Riprende il dialogo fra il Consorzio per la tutela vini della Valpolicella e le Famiglie dell’Amarone sulle modifiche al disciplinare di produzione dell’Amarone. La regione Veneto, sentite le contestazioni mosse dall’associazione Famiglie dell’Amarone, promuove una consultazione tra l’associazione e il Consorzio per la tutela vini della Valpolicella.

 

“La vicenda è quindi tutt’altro che conclusa – ha detto la presidente delle Famiglie dell’Amarone, Marilisa Allegrini – ed esprimiamo la nostra soddisfazione per la decisione della Regione, che ha accolto la nostra richiesta di contraddittorio per approfondire questioni fondamentali per futuro del nostro prodotto più pregiato”.

 

Si profila dunque un secondo round in merito alle contestate determinazioni del Consorzio della Valpolicella sulle modifiche al disciplinare di produzione di Amarone, Recioto, Valpolicella, Valpolicella Ripasso apportate lo scorso maggio e pubblicate nel Bur del 25 ottobre 2013.

 

Sono numerosi i passaggi chiave impugnati nel ricorso inviato in regione dalle Famiglie dell’Amarone. Su tutti, la modifica del comma 2 dell’articolo 4 relativa all’ampliamento della zona di produzione anche in terreni di pianura o di fondovalle che, secondo l’associazione, costituisce di fatto un aumento del 30 per cento della superficie idonea per la produzione di Amarone.

 

Tale aumento non piace perché le aree di eccellenza vitivinicola in Italia hanno la prerogativa di essere storicamente in zone protette collinari. Appena giungeranno le contro memorie del Consorzio, l’assessorato all’Agricoltura della regione Veneto, definirà la data dell’incontro.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button