Punti di Vista

Altro balzello dalla UE, che bella idea i sacchetti a pagamento

Quelle teste che ci governano/dominano da Bruxelles hanno vomitato un’altra delle loro belle idee, imponendole alle Nazioni della UE, e l’Italia l’ha subito applicata.

Il provvedimento è contenuto nelle pieghe dell’imponente legge (***) di bilancio del Governo, passata alle Camere solo perché blindata con l’ennesima imposizione della “fiducia”, ove – al posto dei tagli dei vitalizi o al vincolo di mandato – è incluso l’impegno a vietare i coton fioc non biodegradabili (… allora si potranno gettare nel water?)

Chi è andato a fare la spesa negli ultimi giorni del 2017 ha trovato cartelli con l’informazione ai clienti che dall’1 gennaio 2018 i sacchetti trasparenti di plastica per pesare verdura e frutta saranno a pagamento, da 1 a 5 centesimi l’uno.

Multe salatissime per gli esercenti che non ottempereranno alla nuova norma: da 2.500 euro a 25 mila e addirittura 100mila euro se la violazione riguarda quantitativi ingenti o se il valore delle buste fuori legge è superiore al 10 per cento del fatturato del trasgressore. Da ridere per non piangere: anche questa incombenza agli organi ispettivi e giudiziari? E a quale costo per i contribuenti? Doppia beffa.

Ma noi Italiani siamo la patria del detto “fatta la legge, trovato l’inganno”, e infatti esiste l’escamotage: prendiamo un sacchetto di plastica del marcato, pesiamo separatamente le zucchine, le mele, le cipolle, il gambo di sedano, il baro di salata, e quant’altro non già confezionato di suo, e incolliamo sulla singola busta tante etichette quante sono le merci pesate, così in cassa paghiamo 1 solo sacchetto.

Oppure ci dovremmo aspettare che i negozianti rispolverino gli antichi cartocci di carta?
Fino a che dalla UE non arrivi una regolamentazione sulla carta per alimenti…

Maura Sacher

(**) Rettifica: è contenuto nelle “Disposizioni urgenti per la crescita economica del Mezzogiorno” approvate il 3 agosto 2017.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button