Bologna e il resto del mondo

Allarme per l’aumento dei costi per vini, aceti e spiriti

Allarme per l'aumento dei costi per vini, aceti e spiriti

Allarme per l’aumento dei costi per vini, aceti e spiriti. La netta ripresa dei mercati per i prodotti alimentari rischia di essere vanificata dall’aumento dei costi delle materie prime, dei trasporti, dell’energia e delle infrastrutture.

Negli ultimi mesi il mercato interno e i mercati internazionali hanno fatto segnare un significativo aumento dei consumi.

Il settore deve affrontare una congiuntura negativa determinata dall’aumento del costo dell’energia, dello zucchero con un + 30 %, della carta con + 40 % e il vetro con + 11 %.

Non ci si deve poi dimenticare degli effetti causati dalla pandemia che purtroppo sembra riprendere slancio come nel regno ancora unito anche a causa delle scelte affrettate di riapertura fatte dal governo british.

Sono aumentati considerevolmente i costi di noleggio dei containers concernenti i trasporti tra Asia ed Europa.

In Giugno l’aumento si era attestato su + 600 %, attualmente si è arrivati a ben 2000 % in più.

Negli ultimi 3 mesi i trasporti sulle rotte extra UE sono aumentati solo del 4 %.

Importanti difficoltà anche nel settore logistico tra Europa e Stati Uniti che rappresentano un importante mercato per i prodotti italiani.

Tutti questi fattori contrari e negativi possono determinare rischi preoccupanti per le aziende, le cantine e le filiere di riferimento.

Federvini fa notare che in Italia si registrano preoccupanti ritardi nel fronte delle infrastrutture.

Nel Nord Italia si concentrano importanti produzioni di vini, aceto e spiriti il sistema stradale è del tutto insufficiente per consentire una buona circolazione dei prodotti.

In troppi territori le aziende e le cantine hanno grosse difficoltà a mettere in pratica le innovazioni tecnologiche a causa della mancanza di reti digitali adeguate.

Il momento è buono per le imprese e le cantine ma contemporaneamente assai delicato.

Le problematiche che incombono sulle aziende che hanno interscambi commerciali soprattutto con l’Asia e gli Stati Uniti mettono a rischio l’ottima ripartenza di tutto il comparto agro-alimentare.

Sono in ballo i fatturati di decine di migliaia di imprese e di milioni di lavoratori.

Il governo e il Ministero delle Politiche agricole devono intervenire urgentemente sui costi dell’energia e delle materie prime. Vedremo quali misure adotterà.

Umberto Faedi  


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button