Punti di Vista

Alla ricerca del cibo perduto

Secondo un rapporto Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura), gli sprechi alimentari nel mondo generano costi economici diretti per 750 miliardi di dollari l’anno e danneggiano l’ambiente. Servono politiche di intervento per fermare il fenomeno in crescita.

I numeri sugli sprechi di cibo nel mondo fanno rabbrividire. Secondo il rapporto “Food Wastage Footprint: Impacts on Natural Resources” della Fao, ogni anno si perdono 1,3 miliardi di tonnellate di cibo. Ma non finisce qui. 

 

Questo cibo prodotto, ma non consumato, spreca un volume di acqua pari al flusso annuo di un fiume come il Volga; utilizza 1,4 miliardi di ettari di terreno (quasi il 30 per cento della superficie agricola mondiale), ed è responsabile della produzione di 3,3 miliardi di tonnellate di gas serra.

 

Non è eticamente possibile perdere un terzo del cibo prodotto nel mondo, quando vi sono 870 milioni di persone che soffrono la fame. Secondo lo studio Fao, il 54 per cento degli sprechi alimentari si verificano all’origine, in fase di produzione, raccolto e immagazzinaggio, mentre il 46 per cento avviene a valle, nelle fasi di trasformazione, distribuzione e consumo. Ma in che mondo viviamo!

 

“Tutti, agricoltori e pescatori, lavoratori nel settore alimentare e rivenditori, governi locali e nazionali, e ogni singolo consumatore, devono – ha affermato il Direttore Generale della Fao, José Graziano da Silva – apportare modifiche a ogni anello della catena alimentare per evitare che vi sia spreco di cibo e invece riutilizzare o riciclare laddove è possibile”.

 

Occorre fare della riduzione degli sprechi una priorità planetaria, riutilizzando le eccedenze alimentari all’interno della catena alimentare umana e se il cibo non è idoneo al consumo umano, destinarlo all’alimentazione del bestiame, preservando risorse che sarebbero altrimenti utilizzate per produrre mangimi commerciali. Regole semplici che aspettano di essere seguite per evitare il disastro ambientale.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Piero Rotolo

Direttore Responsabile vive a Castellammare del Golfo Trapani

Articoli correlati

Back to top button