I Viaggi di Graspo

A Casa della Piccola Nera  nel Carso Triestino  

A Casa della Piccola Nera   nel Carso Triestino  

A Casa della Piccola Nera  nel Carso Triestino

Giorgio Nicolini Aldo Lorenzoni

Siamo a Muggia e precisamente in località Fontanelle, qui in una posizione collinare ideale si trova l’azienda Nicolini. 

È un vigneto relativamente piccolo, circa 3 ha., ma quello che ci ha portato a Muggia è la Piccola nera che qui si coltiva da tempo immemorabile. 

Famiglia Nicolini nei vigneti sul Carso Triestino

Ci accoglie Eugenio figlio di Giorgio e Rossana,

che ci riceve ed inizia il racconto.

La tradizione è la linea della famiglia, un vigneto tramandato dal nonno, e il racconto che si fissa sul nome della nonna Eugenia che ha propagato,

e salvato dall’oblio questo vitigno traendolo da una pianta Madre centenaria ancora conservata in azienda. 

Le varietà presenti nel loro vigneto, oltre alla Piccola Nera, che solo loro producono e commercializzano, sono: Malvasia Istriana, Moscato bianco, Vitovska, Borgogna Bianco e Rosso e Refosco. 

La Piccola Nera da un vino rosato fresco di piacevole beva

Aldo Lorenzoni con Antonio Tebaldi custode antichi vitigni Soave

da bere giovane gli altri vini, in questo territorio, danno risultati importanti.

È quindi una storia di tradizione contadina e famigliare che ha consentito, a questa azienda di conservare al suo interno una cosi grande biodiversità. 

La tradizione era quella legata al consumo diretto alla piccola vendita di prossimità e alla frasca, una licenza imperiale di Maria Teresa d’Austria che concedeva periodi di permesso per la vendita diretta a mescita. 

I Nicolini non sono mai stati vignaioli di professione, Giorgio faceva l’elettricista ed Eugenio il meccanico al Sincrotrone Elettra di Trieste, ma di passione ne hanno da vendere. 

Eugenio figlio di Giorgio con Lorenzoni e Bertolazzi

Giorgio e Rossana già dagli anni 2000 cominciano ad imbottigliare i loro prodotti, forse stanchi dell’impegno e della precarietà della frasca, ed i risultati non tardano ad arrivare. 

Napoleone, che sembra abbia portato il Borgogna a Muggia, soleva dire che la bravura senza fortuna è cosa sterile. 

Il colpo che cambia la vita enologica dei Nicolini si chiama Luigi Veronelli.

Nel 2003 un suo corrispondente in luogo, colpito dalla qualità della Malvasia di Giorgio ne invia una bottiglia a Luigi che ne rimane folgorato al punto che qualche tempo dopo bussa alla porta dei Nicolini. 

Rossana che incredula lo riceve, ancora oggi ne parla in termini di grande umanità, ci dice “mi è sembrato di conoscerlo da sempre, abbiamo parlato di letteratura filosofia cronaca e il punto di incontro era automatico”. 

Per Luigi Veronelli la Malvasia Istriana di Giorgio è il suo “vino Perfetto” al punto che nel 2003 questo vino riceve il Sole di Veronelli.

 

 È l’inizio di una diversa visibilità dell’azienda che trova in questo nuovo slancio ampliando il raggio delle vendite, ma mantenendo intatta la dimensione, ai Nicolini non interessava diventare più grandi. 

Qualche anno dopo Giorgio, sempre con una licenza imperiale di Maria Teresa d’Austria, tuttora vigente, inizia l’esperienza della distillazione delle sue vinacce con la produzione delle sue grappe. 

La visita ai vigneti ci conferma che questo piccolo mondo, fatto di uomini e donne che lavorano con passione, producono qualità e conservano biodiversità, facendo del piccolo un oggetto del buon vivere e di conservazione del territorio è un modello che qui ha avuto successo e merita appieno il tempo e il viaggio fatto. 

Nota di servizio, abbiamo prelevato il materiale di due varietà di vite che i Nicolini non conoscono nella loro origine certa, per effettuarne il riconoscimento, adempiendo alla Funzione di GRASPO.

 Un grazie alla famiglia Nicolini per la cordialità e l’ospitalità, un consiglio se passate da Trieste è un appuntamento da non mancare.

Buon viaggio

Aldo Lorenzoni e Luigino Bertolazzi


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Back to top button