86^ Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

86^ Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

Print Friendly, PDF & Email

Tartufi (1)Dall’8 ottobre al 27 novembre Alba accoglierà l’86^ edizione della Fiera Internazionale del tartufo d’Alba, un evento di fama mondiale, costruita con il contributo di tutto il territorio,  inserita quest’anno dal Ministero delle politiche agricole tra le dodici principali manifestazioni nazionali.

Edizione ricca di novità, un nuovo logo destinato a diventare un brand duraturo, che raccoglie tre concetti, il diamante simbolo di preziosità, il tartufo protagonista ed ambasciatore del territorio ed Alba, capitale del tartufo. Nuova anche l’immagine rappresentata dall’albero,  icona della simbiosi tra natura e tartufo,  accompagnata dal claim Le radici del gusto. La chioma dell’albero nasce da un immagine del fotografo Enzo Massa, sono le colline patrimonio Unesco che rappresentano il paesaggio, l’albero indispensabile per avere il tartufo bianco d’Alba e le radici, una parte che non si vede, ma fondamentale perché incontrano le spore e nasce la magia. Ma le radici rappresentano anche le vecchie ricette, la cultura, le tradizioni e l’attaccamento al territorio.

Da quest’anno si inizia un percorso di manifestazione green che, nei prossimi anni, condurrà a ridurre sensibilmente l’impatto ambientale attraverso azioni che prevedono la riduzione dei rifiuti immessi al consumo, l’aumento della raccolta differenziata e la formazione di eco-volontari pronti ad aiutare e ad educare operatori e visitatori alla raccolta differenziata.

Dal 21 settembre al 31 dicembre viene lanciata la prima campagna di crowdfunding, Breathe the Truffle, respira il tartufo dedicata a raccogliere fondi destinati alla salvaguardia ed al ripopolamento arboricolo di alcune tartufaie oggetto della campagna che sono minacciate dalla crescente antropizzazione, dal disboscamento selvaggio e dall’inquinamento. Inoltre la presentazione di un workshop di idee, De Truffles,  per la creazione di un kit per il tartufo bianco d’Alba, composto da un tagliatartufo, un espositore ed un contenitore in collaborazione con l’imprenditore del design Alberto Alessi.  Questa edizione sarà la cornice di una serie di eventi legati alla valorizzazione del tartufo Bianco d’Alba come patrimonio culturale collettivo, infatti verrà ufficialmente consegnato il dossier per la candidatura a Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

Nel Cortile della Maddalena, il Mercato Mondiale del Tartufo bianco d’alba, la più grande esposizione mondiale di tartufi provenienti dalle colline piemontesi e dell’eccellenza gastronomica del territorio con oltre 100 espositori provenienti da tutta la regione. All’interno del Mercato un’area specifica è riservata alla degustazione dei grandi vini di Langhe e Roero. Non mancherannno i Foodies Moment con grandi chef e laboratori di analisi sensoriale a cura dell’Organizzazione Internazionale Assaggiatori di tartufo. Anche per quest’anno si ripropone il padiglione dedicato ai bambini che visitano la fiera con le loro famiglie con un’area attrezzata.

Il 13 novembre presso il Castello di Grinzane Cavour si terrà la 17^ edizione dell’Asta Mondiale del tartufo Bianco d’Alba.

Tra le grandi mostre da notare Futur Balla, dedicata all’opera del futurista Giacomo Balla, la personale di Francesco Clemente e l’antologica sul pittore Mario Lattes.

Per quanto riguarda gli eventi folcloristici: il banchetto alla corte del Podestà di Alba, cena medioevale, l’investitura del Podestà, il Palio degli Asini, la corsa di ciuchini che vede i novi borghi sfidarsi per la conquista del drappo e la sfilata storica in costume.

 

Piera Genta

 

About The Author

Related posts