Notizie Italiane

Villa Rospigliosi da Clemente IX al Realismo

130724-3921--V.Rospigliosi---ph-massimo-camplone--2esterno
V.Rospigliosi—ph-massimo-camplone

Ci sono luoghi la cui vista è un’esperienza che trasmette sensazioni intense: Villa Rospigliosi  a Spicchio è una di queste.  Ho avuto la fortuna di visitare la Villa con la nuova proprietà che ha provveduto ad un restauro che ne ha rispettato e recuperato le sue caratteristiche seicentesche.
Fu papa Clemente IX, al secolo Giulio Rospigliosi,  ad affidare  a Gian Lorenzo Bernini, il più importante architetto del barocco italiano, autore del Colonnato di San Pietro e della Fontana dei Quattro Fiumi in piazza Navona a Roma, il progetto di questo edificio la cui vista abbraccia le colline toscane tra Vinci, Pistoia, Firenze e Lucca.

La Villa accoglie il visitatore in un ampio salone circolare interamente affrescato  da Ludovico Gimignani. Le figure allegoriche  si alternano  e invitano ad alzare lo sguardo verso l’alto. Due scale elicoidali portano al piano superiore dove si trova il salone reale e altre stanze oggi trasformate in due splendide suite per viaggiatori che ricercano l’estrema bellezza dell’armonia. È facile immaginarsi nobiluomini che si aggiravano in queste stanze, personale di servizio che silenziosamente cammina lungo gli stretti, incurvati insoliti corridoi  che assecondano l’andamento ovale dei saloni principali.2015-05-28-cioccolato-nocciola-half

Davanti alla Villa, la Cappella Gentilizia e la “Villa Vecchia” annessi della fattoria e un Viale alberato che scende verso il paese.  Al piano interrato, nelle antiche cucine, si trova il ristorante che la nuova gestione ha affidato, dal maggio 2015, a Igles Corelli chef del ristorante Atman. Uno chef stellato per una cucina d’eccellenza,  cucina circolare, dove niente viene sprecato. Corelli, i cui piatti non sono mai scontati, sempre “impegnativi”, mai ovvi e tutti da scoprire.
E lui, esuberante,  sornione mentre  ci racconta delle erbe che cerca in zona, o dei funghi e dell’orto  o mentre parla con la nuova gestione della necessità di una stanza per fare anche i formaggi. Sì, perché ogni boccone che portate alla bocca da Atman  proviene dalle cucine del ristorante.

E anche qui, niente di scontato: le migliori  e più innovative attrezzature,  personale giovane e preparato (che ti accoglie con il miglior sorriso), una cantina non banale con oltre 600 proposte in continua evoluzione.

E se mentre mangi alzi  la testa vedi  sopra di te i quadri della collezione “Fondazione Antonio e Giannina Grillo”, gli stessi quadri che, insieme alle sculture, animano tutte le pareti della dimora, in una mostra permanente di circa 400 opere di artisti come Ampelio Tettamanti o Ernesto Treccani.
Una collezione unica che sarà  inaugurata  il 24 ottobre 2015 dal titolo: Realismo e altre cose Opere della collezione “Fondazione Antonio e Giannina Grillo”.

Roberta Capanni

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button