I Viaggi di Graspo

Versoaln o Versoalen, la vite tra cielo e terra insieme a Josef Terleth         Laimburg

Versoaln o Versoalen, la vite tra cielo e terra insieme a Josef Terleth         Laimburg

Versoaln o Versoalen, la vite tra cielo e terra insieme a Josef Terleth         Laimburg

Il castello di Katzenzungen, a fianco del passaggio pedonale, la storica vigna Versoalen

Il castello di Katzenzungen si staglia il maestoso sopra la Versoalen, posto ad ideale difesa di questa enorme pianta che con i suoi tralci ne  abbraccia parte dei suoi muri perimetrali. 

È la monumentale vite di oltre 300 anni che si trova ai piedi del castello posto in località Tesimo a Prissiano, su una delle più suggestive terrazze panoramiche dell’Alto Adige ad oltre 600 metri di altitudine con l’ordinato contorno di boschi, castagneti, frutteti, castelli , antiche chiese e vecchi masi.


E’ Josef Terleth dinamico e preparato ricercatore del Centro di Sperimentazione di Laimburg ad

Il centro di ricerca provinciale di Laimburg

accompagnarci e a raccontarci la storia ed i segreti di questa vigna e del suo castello.


Il castello- ci dice- segnalato per la prima volta attorno al 1200 era i proprietà della famiglia di Henricus de Catzenzunge. 

Il Versoaln, un vino da non perdere

Nei  tempi il Maniero è passato di mano in mano, sempre tra le famiglie più importanti della provincia, fra le quali spicca, quella dei Breisach.  

Con la fine di questo nobile casato inizio il declino del sito fino al 1978, quando fu acquistato con tutte la pertinenze dalla famiglia di Josef Pobitzer.  

È il figlio di Josef, Ernst che con una preziosa opera di restauro ha trasformato il sito in una delle più eleganti  location per eventi pubblici e privati dell’Alto Adige. 

La vigna di Versoalen si trova proprio sotto il castello. 

Il gruppo di Graspo, con Josef Terleth all’ombra della monumentale vigna Versoalen

La  zona che non favorevolissima per la coltivazione della vite ma la sua età,  stabilita scientificamente nel 2004 dal dottor Martin Worbess (direttore dell’International Tree Ring Laboratory dell’Università di Göttingen) dimostra  forse il contrario. 

Un  legame straordinario con questo areale, caratterizzato da un suolo porfirico molto povero, dove si è nel tempo accumulato materiale alluvionale in una quantità tale, da quasi sommergere la pianta stessa. 

È sembrato un fatto normale che la Provincia di Bolzano, la abbia tutelata come patrimonio naturale. 

Un vite storica nel giardino dell’Istituto di Laimburg

Inizialmente seguita dai Giardini botanici di Castel Trauttmansdorff di Merano, quando questi erano parte della struttura di Laimburg.

Oggi tutta la cura della vite è responsabilità dell’equipe di Josef  Terleth e della struttura del centro di assistenza e ricerca di Laimburg . 

La gestione agronomica è affidata ad un viticoltore del posto, per tutte le operazioni colturali,  fatte rigorosamente in regime biodinamico.

La degustazione guidata, con professionale competenza per Graspo, da Josef Terleth

Vendemmia e vinificazione sono eseguiti invece direttamente dalla cantina del centro di Laimburg, che poi provvede anche alla commercializzazione del prodotto ottenuto. 


Sempre Josef ci spiega, che la longevità della pianta, la cui pergola si estende per oltre 300 metri quadrati, dipende molto anche dall’antico muro adiacente, che ha fatto da baluardo termico in tutti questi anni. 

Particolare della cantina del centro provinciale di Laimburg

Ora la vigna, diventata attrazione turistica del complesso del castello, è molto curata, tutta la struttura della pergola è stata recentemente rifatta con legni molto resistenti come il castagno ed il larice e la produzione viene protetta costantemente dagli uccelli con delle reti mobili.


Attorno alla pianta madre sono state messe a dimora nel tempo altre piante della stessa varietà fino ad ottenere un piccolo vigneto però di grande suggestione, quest’anno il  raccolto complessivamente è stato di quasi due quintali di uva.

La barricaia di affinamento vini, del centro provinciale di Laimburg

 Inizialmente si pensava che la varietà fosse riconducibile al Weisser Heunisch poi le analisi del DNA hanno chiarito che si tratta di Versoalen .


Era questa una varietà molto coltivata nel secolo scorso è successivamente quasi scomparsa, rimangono pochi ceppi storici in tutta la Provincia come quello di Maso Unterweirachhhof.


Il nome Versoalen potrebbe riferirsi a Faxoal o Frason ovvero delle piccole strisce di terra parallele, ma anche a Versoaln una parola che in dialetto significa “legare con corde”, quasi a certificare i luoghi ripidi di produzione dove c’era bisogno di assicurare il prodotto con le corde per il trasporto.


Questa varietà germoglia precocemente ma ha una maturazione medio tardiva, la produzione non è uniforme anche perché caratterizzata da acinellatura evidente, resiste bene comunque ad Oidio e Peronospora.


Il Versoalen , conclude Josef è stato iscritto da Laimburg al Registro Nazionale delle varietà di vite nel 2018.

Il gruppo di Graspo presso il centro di ricerca provinciale di Laimburg, ospiti di Josef Terleth terzo da dx

 L’attività di tutela e preservazione dell’antico patrimonio genetico sviluppato dal Centro oggi interessa altre antiche varietà della Provincia come la Blatterle, la Fraueler, la Weissterlaner e la Furner.”


Abbiamo potuto effettuare la degustazione di una piccola verticale delle annate 2017,2018 e 2019 nella versione ferma ed una versione spumante metodo classico per la sola annata 2018. 

È un vitigno, secondo noi molto versatile, leggermente aromatico se lasciato a ben maturare, più austero e con una spiccata struttura sapido – acidicà se vendemmiato qualche giorno prima della maturazione tecnica. 

Un vino che merita di uscire dall’isolamento nel quale si è fortunatamente conservato per diventare un patrimonio enologico di tutti. 

Un grazie di cuore  a Josef e alla famiglia Pobitzer, nella persona di Veronika Egger Pobitzer per la cordiale ospitalità.

Il viaggio continua……

Aldo Lorenzoni e Luigino Bertolazzi

Ci trovate su:

Facebook e Instagram, alla voce Associazione Graspo

 

https://www.fachschule-laimburg.it/it/home

https://castel.katzenzungen.com/it/


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button