Curiosità

Vasi vinari ecosostenibili in cocciopesto

I vasi vinari in cocciopesto sono una tecnologia nuova che si rifà alla antica tradizione.

Percorrendo a ritroso la storia, è noto che nelle civiltà mediterranee l’argilla cotta era il materiale prevalente utilizzato nell’edilizia, come per le cisterne o gli acquedotti, ed anche per la produzione di contenitori utilizzati per la conservazione e il trasporto di vino e di olio.

Essi, non sono propriamente un’alternativa alle botti in legno o in acciaio. Piuttosto, sono oggi considerati i più adatti alle cantine “bio”, in quanto vengono adoperati materiali assolutamente naturali.
Il cocciopesto, infatti, è l’amalgama finale dell’impasto di frammenti lapidei, coccio tritato, sabbia, ghiaia, e di altri materiali inerti, tutto in varie granulometrie, che viene poi essiccato all’aria.
Non necessita di cottura in forno e quindi non vi è alcun problema di cessione di anidride carbonica nell’atmosfera, pertanto sarebbero altamente ecosostenibili.

Una delle peculiarità è quella di garantire una micro ossigenazione controllata, che l’acciaio ed il legno non hanno.

Esistono già aziende attive nel settore che utilizzano materiali inerti come argilla o ceramica, anche con un misto di cemento, per contenitori nel campo enologico, e diverse cantine, sia in Italia che all’estero, hanno adottato tali vasi per la vinificazione e l’affinamento.

Promossa dalla Sezione Assoenologi Toscana, presso le Cantine Le Palaie a Peccioli (PI) il prossimo 7 luglio si svolgerà un incontro tecnico per una presentazione di vasi vinari ecosostenibili in cocciopesto, prodotti dall’azienda Magie Srl, con sede legale a Verona.

La Tenuta Le Palaie, circondata dalle colline pisane, si estende su 150 ettari di cui 16 di vigneti, coltivati a diverse tipologie di uva, da cui vengono ricavati tutti i loro vini, sia bianchi che rossi.
La Cantina, inaugurata nel 2012, è dotata delle più moderne tecnologie di deraspatura, pressatura e vinificazione e di una barriccaia interrata per l’invecchiamento dei vini, a temperature climatizzate con i monitor di controllo.
Dispone di ampi spazi esterni e sale interne per poter accogliere i visitatori e gli ospiti delle proprie strutture agrituristiche.

Dopo la illustrazione tecnica, verrà offerta una degustazione di vini affinati in coccio.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button