Valle del Torto e dei feudi: natura, gastronomia, musica

Valle del Torto e dei feudi: natura, gastronomia, musica

Print Friendly, PDF & Email

Per chi ama la natura, il percorso nella Valle del Torto e degli antichi Feudi riserva molte sorprese rappresentate dalle riserve naturalistiche, aree protette dalla Regione Siciliana nelle quali si può godere di incantevoli panorami, ambienti sempre diversi, che conservano importanti biodiversità vegetali ed animali, come quella di Monte Carcaci fra Prizzi e Castronovo di Sicilia, una delle quattro riserve che fanno parte del Parco dei Monti Sicani. Lecci, pioppi, un ricco sottobosco con pungitopo, asparago selvatico, aree umide come il suggestivo laghetto stagionale di Marcato delle Lavanche circondato da pini e cipressi. All’ingresso si può vedere il baglio fortificato,  dell’Emiro, di origine saracena, citato una prima volta nel 1355 come Castello di Colobria, utilizzato per  controllare un vasto latifondo, divenne poi una masseria agricola.

IMG_8162

Nel nostro percorso incontriamo  importanti  testimonianze di attività di un passato recente, ma molto lontano dalla vita di oggi: si tratta delle miniere di zolfo. Siamo a Lercara Friddi,  il paese del leggendario Lucky Luciano e dei nonni di Frank Sinatra.  Paese agricolo fino all’inizio dell’Ottocento quando, con la scoperta dei giacimenti di zolfo, si trasformò in una cittadina industriale. Oggi a miniere chiuse, gran parte del patrimonio è stato abbandonato, si scorgono ancora i ruderi dei pozzi di aerazione, alcuni ancora con gli argani, emozioni uniche che non possono essere godute dai visitatori per un assurdo ostracismo analogo a quello descritto da Carlo Levi  nel  libro “Le parole sono pietre” quando ad un giovane pittore era stato impedito di dipingere i minatori al lavoro ed ancora di visitare le zolfare e parlare dello sciopero del 18 giugno 1951. Il Parco minerario non esiste, rimane invece il quartiere residenziale per i minatori, nato ai tempi del fascismo.

Sulla sommità del Colle Madore è stato scoperto di recente un sito sicano, i cui  reperti archeologici di eccezionale valore sono esposti nel Museo che ha sede presso la Biblioteca Comunale. Sempre presso la Biblioteca sono custodite le creazioni di Vito Giangrasso un artigiano che ha utilizzato i pupi come indossatori per costumi d’epoca, capolavori in miniatura, una galleria di personaggi molto diversi fra loro dalla dama rinascimentale al burgisi.IMG_8213

Specialità di Lercara è la Pantofola, un dolce tipico delle feste invernali. Le sue origini sono antiche, probabilmente come molti dolci siciliani inventato nei conventi, poi passato alla tradizione casalinga quando mamme e nonne si riunivano nel periodo natalizio per preparare insieme il pastizzotto. A cambiargli il nome è stato il  pasticciere Luigi Milazzo, dopo che sentì chiamare  pantofole quei deliziosi dolcini da una nobildonna palermitana.  La pantofola presenta una forma ovoidale, una lunghezza di circa otto cm e una larghezza di cinque, il peso si aggira attorno ai 90 gr. Un impasto croccante, che può venire ricoperto da una glassa di albume d’uovo, zucchero a velo e succo di limone, oppure semplicemente spolverato con zucchero a velo, racchiude il ripieno costituito da mandorle tritate, tutti ecotipi locali, frutta candita e di recente anche scaglie di cioccolato. Un dolce prodotto nelle pasticcerie Franco Vento ed Oriens a cui viene dedicata una sagra tra la fine dell’estate ed il mese di ottobre.

IMG_8200

 

Lercara è legata alla figura di Frank Sinatra, alla  memoria del grande cantante ogni anno l’Associazione Culturale Life and Art Promotion organizza il My Way Festival, una rassegna  con un ricco calendario di concerti, proiezioni, escursioni turistiche e soprattutto un  concorso per giovani talenti. Quest’anno la settima edizione  dal 24 al 26 luglio festeggia il centenario della nascita del cantante, in cartellone ci saranno concerti, un campus didattico dal titolo “The Voice School”, la mostra “Frank Sinatra, i lercaresi e siciliani d’America”, un’esposizione fotografica e una mostra di pittura. Inoltre la quinta “Fiera di Gastronomia di Qualità”, con la promozione dei prodotti tipici della Valle del Torto e dei Feudi ed escursioni, trekking fotografici e picnic musicali alla scoperta dei dintorni magici di Lercara Friddi.

Piera Genta

About The Author

Related posts